Generale : GIARDINI D’AMORE
Thursday, 20 April 2017 07:53

GIARDINI D’AMORE

Partiamo dal salvare un bimbo nel Sud del mondo, per arrivare a far fiorire la Vita anche qui tra noi

1) È la carità che salva dalla morte un bambino, l’inizio della nostra salvezza.

2) Oggi per ritrovare se stessi e sane relazioni come tutti necessitano, c’è necessità di incontrarsi salvando insieme dalla morte i bambini.

3) Troppe parole sentiamo, troppe aspettative e richiami ridotti ci vengono proposti, ma la nostra vita ha bisogno di contenuti ed esperienze forti e libere di qualità.

4) Trovando persone degne e di qualità che facciano un’adozione al mese è la base per soddisfare la nostra dignità ed iniziare a permanere ed avere scambi di qualità, di vita, che superino il mangiare, il vestire, gli incontri fasulli o le gite superficiali.

5) Di questa dignità e questi scambi di dignità, tutti ne abbiamo immensamente bisogno.

6) Purtroppo la vita personale, lavorativa e relazionale di oggi mai soddisfa in pieno i nostri bisogni.

7) Noi vogliamo aiutare persone e famiglie a scoprire e testimoniare la propria dignità attraverso la carità, l’amore e la libertà.

8) Basta essere dipendenti e schiavi di qualsiasi riduzione di vita, di falsità, isolamento e malattia.

9) Noi abbiamo l’esperienza di comunicare in spirito e verità con oltre due milioni di persone che sono libere e sanno amare. Tutte hanno incominciato a vivere facendo un’adozione.

10) Poi tra di loro hanno formato comunità che si basano sui dieci libri che io ho scritto ed oggi ormai vivono solo dell’esperienza di complete relazioni a livello personale, familiare, comunitario, nazionale e mondiale.

11) Anche in Italia abbiamo già molte persone, famiglie degne e libere e con esse in tutti i territori regionali, facciamo già qui l’esperienza di costituire veri e nuovi giardini di vita personali, familiari, che via via sempre più vivificano e risolvono ogni riduzione e falsità di vita esistenziale, culturale, scientifica, religiosa, politica e sociale senza sostituirsi a nessuno. Tutti aiutiamo ad essere quello che sono per incontrare pienamente se stessi, la famiglia e la realtà.

Padre Angelo Benolli (Fondatore e Presidente di Italia Solidale – Mondo Solidale)

dal sito ioacquaesapone

Dal sito Ioacquaesapone : Letture della settimana
Thursday, 20 April 2017 07:35
"Riconobbero Gesù nello spezzare il pane"
(Lc 24,13-35)

Così Padre Angelo Benolli e Padre Stephen Ndegwa oggi!
  

 

 

19/04/2017 

Ascolta la spiegazione del Vangelo di oggi  

Vangelo del giorno (link esterno)

Vai all'archivio dei giorni precedenti

 

  
"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 57 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".
Dal sito Ioacquaesapone : Letture della settimana
Tuesday, 18 April 2017 08:16
"Ho visto il Signore e mi ha detto queste cose."
(Gv 20,11-18)

Così Padre Angelo Benolli e Padre Stephen Ndegwa oggi!
  

 

 

18/04/2017 

Ascolta la spiegazione del Vangelo di oggi  

Vangelo del giorno (link esterno)

Vai all'archivio dei giorni precedenti

 

  
"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 57 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".
Generale : Approfondimento di Padre Angelo Benolli sull'Eucaristia
Thursday, 13 April 2017 07:13
Approfondimento di Padre Angelo Benolli sull'Eucaristia
 
Così Padre Angelo Benolli oggi!  

 

 

 

 

 

 

 

13/04/2017 

Ascolta l'approfondimento di oggi 

 

 

  
"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 57 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".

 

Generale : Cinque per mille 2017
Friday, 07 April 2017 08:24

Promuovi una cultura di vita con la tua firma

Anche quest'anno nella dichiarazione dei redditi é possibile destinare il 5x1000 a Italia Solidale

Parteciperai con noi ad un grande movimento di sviluppo di vita e missione per soddisfare la fame dello spirito e del corpo in Italia e nel Mondo

Già 2.000.000 di persone in Africa, in Asia, in Sud America ed anche in Italia stanno ritrovando la pienezza della propria vita, la gioia di sane relazioni di coppia e di famiglia e l'espressione di un lavoro creativo e di servizio fino alla solidarietà con i vicini e lontani. Tutto questo grazie ad una sperimentata cultura di vita che parte dall'inconscio di ogni persona cominciando dal bambino fino alla missione nel mondo.

Rimaniamo uniti in questa autentica cultura di vita. C'è necessità dell'amore per vivere e far vivere.

Basta mettere la tua firma nell'apposito riquadro della dichiarazione dei redditi insieme al codice fiscale di Italia Solidale (97114600584). Non c'e' nessun costo aggiuntivo, lo stato infatti non toglie nulla in più al contribuente, ma destina questa quota dell'irpef alle onlus rinunciando ad incamerare questa piccola parte dell'imposta.

Generale : Aiuti veri, altro che business
Tuesday, 28 March 2017 12:45

Aiuti veri, altro che business

Non mancano né soldi né tecnologia: mancano cultura e giusto spirito

 

 

 
Una società che volta le spalle alle creature più fragili è una società profondamente disturbata a livello sessuale. Va detto meglio: è una società... senza palle! I bambini che soffrono fino a morire a migliaia ogni giorno ne sono la prova schiacciante. Colpa del sistema, delle lobby, delle banche, del business degli aiuti. Sì è tutto vero. Ma anche nostra personalmente se ce ne laviamo le mani. Invece il problema della fame nel mondo lo dobbiamo combattere personalmente per non perdere la nostra dignità di essere umani. Ognuno di noi contribuendo con un po' di impegno. Ma subito e soprattutto nel modo giusto che indicheremo nelle prossime pagine. Per non essere complici, seppur indiretti, di questa strage degli innocenti. Conseguenza della perdita del nostro innato spirito di solidarietà. E della perdita della nostra sessualità nell’amore. La povertà materiale del Sud del Mondo infatti è strettamente connessa alla povertà spirituale del mondo più ricco. La fame del corpo là è anche lo specchio della fame di amore che abbiamo qua.
 
CATASTROFICO FALLIMENTO
Duole il cuore dirlo, ma lo dimostrano i fatti e i dati sugli aiuti umanitari negli ultimi 30 anni, tutta la cooperazione internazionale, gli aiuti umanitari delle Ong, sono stati un sostanziale catastrofico fallimento! Basta con queste pubblicità che sfruttano i bambini denutriti, promettendo di dargli un futuro. Purtroppo si tratta il più delle volte di pubblicità ingannevole. Salvo eccezioni, che comunque esistono e che vi segnaliamo nelle pagine successive, perché proprio lì, probabilmente sono in coltura gli anticorpi che potranno essere efficaci contro il virus che ha ridotto la solidarietà ad un vero e proprio business. Un business gestito da multinazionali che si contendono dirigenti strapagati, in concorrenza fra loro a colpi di costosissime campagne pubblicitarie sempre più aggressive. Campagne pagate con i soldi dei donatori che, solo in piccole percentuali, raggiungono i bisognosi e anche nel modo sbagliato, perché generano miseria e assistenzialismo, anziché sviluppo e indipendenza. 
Generale : Sessualità, vocazione all’amore
Thursday, 16 March 2017 10:04

Sessualità, vocazione all’amore

È l’identità preziosa che nasce da Dio, cresce e si manifesta solo nella pienezza dell’amore

La grandiosità della Creazione si rivela nella sessualità dell’uomo e della donna. “Maschio e femmina li creò”, dice la Genesi. Ma la sessualità dell’uomo è una sfida completa della Creazione. Non è la sessualità degli angeli, né la sessualità delle bestie. La sessualità dell’uomo è la creazione più feconda di Dio. È fatta dall’amore di Dio, supera l’istinto, cresce solo nell’amore ed è completamente feconda solo nella creazione dei propri figli. Ma la sessualità posta nei figli è prodotta prima dall’amore del Creatore ed esige la pienezza dell’amore dei genitori.  

NIENTEATTACCAMENTI
Per questo la sessualità degli uomini è prima degli uomini ed è per questo con-creatrice col Padre e corredentrice con Cristo. La sessualità ha in sé il principio della creatività nell’amore e cresce e si manifesta sempre e solo nella pienezza dell’amore. Per questo la Genesi dice: “Maschio e femmina li creò e per questo si staccheranno dal padre e dalla madre”. Siamo figli di Dio, con-creatori con Lui, indipendenti dagli uomini e dai diavoli. La sessualità non vuole attaccamenti, riduzioni umane, falsità d’amore. È l’identità preziosa che nasce solo dal pieno amore, Dio; cresce solo nel pieno rispetto e scambio di rispetto con Dio e con ogni creatura ed è feconda solo quando, così mantenuta, può intrecciarsi nel pieno innamoramento ed amore, tanto da concreare, in Dio, i figli.
 
I FIGLI CRESCONO SOLO SE C'È AMORE
Il figlio nasce e sempre vuole e cresce solo nella pienezza di quest’amore di Dio e dei genitori. La sessualità nell’Albero della vita è posta dopo l’amore creativo di Dio, che permane sempre nel Sigillo di Dio; ed è posta anche dopo il carattere o anima, seconda forza della vita. La sessualità sempre ha bisogno dell’amore di Dio e dell’anima che trova la sua forza nell’amore o Dio. La sessualità cresce solo attraverso il carattere dell’anima nell’amore di Dio. Ma la sessualità stessa rafforza l’anima e il rapporto con Dio. Queste forze principali dell’albero della vita sono diverse, ma strettamente connesse ed interdipendenti.
Quando ed in proporzione che una di queste forze viene a mancare, sempre la sessualità non solo perde la sua identità, ma anche, come il tralcio staccato dalla vite, dissecca e muore. Non solo, ma perde tutta la sua funzionalità creativa nell’amore. 
Generale : 14 marzo 2017, 58 anni di Sacerdozio, le parole non bastano, neanche le rime
Thursday, 16 March 2017 09:51

14 marzo 2017, 58 anni di Sacerdozio, le parole non bastano, neanche le rime

Meditando sul tuo sacerdozio i gioghi spezzati (Isaia 58)

nei milioni di persone toccati dal tuo sacerdozio ed esce fuori questo ringraziamento a Dio

 

Gioghi di parola spezzati

Oggi la Parola di Dio nella persona incespica per via del passato che è presente e si ritrova schiava, vittima di un giogo…di Parola: la persona non si esprime e anche se è bloccata nella ripetizione mancavano scioglilingua nuova e punti (e virgole) di riferimento perché il filo non si perdesse più e la persona si ritrovasse. Per questo ed altro P.Angelo 58 anni fa si fa Sacerdote si sposa con Dio (ma senza dote) e trova nuove ricette per nutrirci di Cristo e spezzare il giogo facendo sul serio, mentre il sorriso sulle sue labbra annuncia senza tregua tempi duri per il diavolo fissato negli occhi, per vederlo e risolvere interrogativi secolari ma anche spirituali che l'uomo (e la donna ) affronta da sempre ieri oggi e domani…che non è un altro giorno ma è registrato nel presente anche in chi è assente e non ha occhi per vedere ma solo cuore che duole. Da vero maschio va sempre diretto in modo non direttivo si si no no, il resto non resta se non lasci nulla di incompleto e vai fino in fondo. L’inconscio alla luce vera ha un bel colore ma nel mondo mancava il calore che serviva ad ogni bambino. Col suo bastone ed il vincastro che danno sicurezza P. Angelo pastore canta e picchia sodo sulle sinapsi addormentate e toglie i cuscini a chi vuol riposare per morire come invece vuole il diavolo che non perde occasioni per ostacolare. Con…tento ma solo con Dio grida a squarciagola senza riguardo e non si stanca mai di amare: non basta ciò che ottiene ma anche non bast…ona chi coerente va fino in fondo e degnamente prende la sua croce con Cristo, con Luce fede carità vince i contrasti risorge e fa risorgere.  Oggi solo cosi ci si avvicina a Dio a se e gli altri e veri sacerdoti si arriva a parlare lingue nove ma anche otto sette sei… Il suo sacerdozio è lungo e ricco di frutti e fiori già rdini profumati: un lungo cammino da Trento atrentacinquemila, unici ma gemellati con Dio per essere veri come in cielo cosi in territori fioriti. Amen

Lode a Dio e infinite preghiere per te senza parole ma con molta vita ricevuta vissuta e testimoniata.  

dono di Marco Casuccio a Padre Angelo Benolli

Generale : 58° Anniversario di Sacerdozio di Padre Angelo Benolli
Monday, 13 March 2017 17:21

58° Anniversario di Sacerdozio di Padre Angelo Benolli

 

 Il 14 Marzo 2017 abbiamo la gioia di celebrare il 58mo anniversario di sacerdozio di P.Angelo Benolli O.M.V.

"Oggi sacerdote per nutrirvi di Cristo" diceva il ricordo della sua ordinazione nel 1959. E davvero così è stato. Oggi, infatti, grazie proprio a questo sacerdozio, oltre 2 milioni e mezzo di persone in Italia, Africa, India e Sud America stanno ritrovando se stesse, una fede autentica che entra e risolve i drammi della vita, e veri e profondi scambi di vita nelle famiglie, nelle comunità e a livello intercontinentale. Tutto senza strutture, senza dipendenze, senza "capi", ma solo persone povere, che ritrovano pienamente la dignità per cui sono state create e scelgono di viverla, di testimoniarla, di passarla ad altri.

Perché tutta questa immensa e meravigliosa realtà è stata possibile? 

Con la poesia che segue, Davide de Maria rende un vero omaggio alla vita e al sacerdozio di P.Angelo e mostra che tutto quello che c'è oggi nasce dal fatto che P.Angelo si è sempre mantenuto con le sue forze personali e con Dio prima che con gli uomini, e proprio per questa continua libertà in Dio, ha saputo entrare con luce e carità nella vita delle decine di migliaia di persone di ogni ceto sociale, religione e cultura che a lui si rivolgevano.