Generale : Perché nelle famiglie oggi si soffre tanto? di Antonella Casini
Mercoledì, 10 Luglio 2019 11:15

Perché nelle famiglie oggi si soffre tanto?

 

La famiglia, per noi italiani, è sempre stata la “Sicurezza”. Oggi non è più così. Nei centri di ascolto di Roma si osserva che, per un numero crescente di persone, la famiglia è “fonte primaria di sofferenza”. Ma c’è di più: secondo gli esperti, nel nostro paese, si sta verificando un cambiamento antropologico: “Fare famiglia è sempre meno un progetto d’amore creativo e sempre più un modo per soddisfare le esigenze di ‘star bene’ dei singoli”. 

Si sta però sempre meno bene. Aumentano il disagio psichico, le violenze, le dipendenze da alcol, il gioco d’azzardo, ecc... Perché? Come risolvere? Nessuno lo sa, ma oggi risolvere è più necessario che mangiare, altrimenti c’è la morte. In Italia, nel 2018, si è verificata la più grave recessione demografica degli ultimi 100 anni: solo 439.000 bambini nati contro 633.000 persone morte (dati Istat). Italia Solidale – Mondo Solidale offre una soluzione sperimentata a tutto questo: 2.500.000 persone in Italia, Africa, India e Sud America stanno ritrovando sé, la propria relazione con Dio, la propria capacità di ben amare  e di ben lavorare fino ad essere sussistenti e solidali. Centinaia di migliaia di famiglie e bambini si salvano!

Se volete sperimentare tutto questo leggete i libri e i documenti di Padre Angelo Benolli O.M.V., coinvolgetevi nei “Giardini” del vostro territorio e nei “gemellaggi mondiali”, frutto di tutta questa nuova cultura di Vita. Nei libri si trova una nuova antropologia per “uscire da ogni inganno”. Nei “giardini” ci s’incontra settimanalmente con i libri, in comunità di 5 famiglie, si scambia, si prega, si cresce, si amano le altre famiglie del territorio e si salvano altri bambini nel Sud del mondo.

Ogni famiglia italiana ha la gioia di essere in relazione con un bambino e una famiglia del Sud del mondo, grazie al nuovo modo di far missione a distanza sviluppati da P. Angelo. Anche le famiglie del Sud del mondo fanno i “giardini” e sono missionarie, trovando un donatore locale per un bambino di un altro continente in uno scambio d’amore mondiale. Questi “gemellaggi” fondati sul Carisma di Sviluppo di vita e missione, sono la base per “rifondare” la famiglia nell’Amore e dare così la Vita a tutte le famiglie del mondo di oggi.

Di Antonella Casini

Malga Zures : Padre Angelo Benolli con Padre Stephen Ndegwa, Davide De Maria, Anna Fanuele, Eleonora Barboni, Marco Tedeschi e Patrizia a Malga Zures con i volontari donatori di Sicilia, Veneto, Emilia Romagna e Roma Solidale
Mercoledì, 10 Luglio 2019 10:29

Malga Zures 2019

   Nago - Torbole (TN)  

Turno 27 - 30 Giugno 2019

  

 Padre Angelo Benolli con Padre Stephen Ndegwa, Davide De Maria, Anna Fanuele, Eleonora Barboni, Marco Tedeschi e Patrizia a Malga Zures con i volontari donatori di Sicilia, Veneto, Emilia Romagna e Roma Solidale  

Dal sito Ioacquaesapone : Perché sembra che oggi Cristo non esista? - di Padre Angelo Benolli
Lunedì, 08 Luglio 2019 14:13

Perché sembra che oggi Cristo non esista?

Perché ancora oggi non riusciamo a valutare l'amore di Cristo per uscire dai tanti mali inconsci dello Spirito, dell'anima del sesso e del corpo?

Se esistono ancora tanti disordini e tante sofferenze non è certamente perché manca la forza, lo spirito, la sapienza e l’amore di Dio, ma perché è ancora molto carente una cultura di collaborazione completa e seria. Manca specialmente la collaborazione nel vedere, valutare, amare e risolvere tanti mali inconsci che condizionano ogni persona. Spesso questi mali non si vedono o non si vogliono vedere. 

Anche quando si vedono, non vi è la cultura umana e cristiana per risolverli. Molti educatori della persona e della famiglia, per nulla preparati, delegano tali problematiche agli “specialisti”. Molti altri si ostinano a negarle e pretendono di risolverle secondo la loro “mentalità” e non secondo la realtà. 

Per questo molte persone, molte famiglie e molte comunità, anche se si impegnano, non vengono a capo di nulla, anzi spesso peggiorano. Moltissime persone, moltissime famiglie, anche quando chiedono aiuto non si sentono capite ed aiutate. Oggi, il 70% dei giovani italiani affermano di non avere più punti di riferimento e di scambio. Tra i tanti altri, incontro anche un gruppo di diciottenni. 
Essi testimoniano che, prima dei nostri assidui incontri, non si erano mai trovati con se stessi, con gli amici, in famiglia e nella scuola. 
Malga Zures : Padre Angelo Benolli, Luca Rando, Simona Monaco, Mara Tredicine, Elisabetta Carini, Paolo Fortunato e Marilena Bosco con i volontari donatori di Lazio, Toscana, Lombardia, Abruzzo e Torino Solidale
Giovedì, 27 Giugno 2019 10:25

Malga Zures 2019

   Nago - Torbole (TN)  

Turno 20 - 23 Giugno 2019

 

Padre Angelo Benolli, Luca Rando, Simona Monaco, Mara Tredicine, Elisabetta Carini, Paolo Fortunato e Marilena Bosco con i volontari donatori di Toscana (Livorno, Grosseto, Firenze), Lazio (Latina), Abruzzo,  Lombardia, e Torino Solidale  

 

  

 

 

 

Dio mi crea sano e attivo
Il diavolo e' passivo
Se lo lascio entrare
Fa come je pare


Ma persona con Dio e' soluzione
Per guarigione e conversione
Strumento e' missione
9 degne persone        

2 comunita'
Senza giudizi per la carita'

 

        ------

Abbiamo bisogno di natura
Dentro e fuori con la nuova Cultura


Pure se il diavolo non la vuole
La vita non e' nelle scuole
Altro che Cesare e Carlo Magno
Ma con Dio m'accompagno


E sconfiggo ictus, mal di cuore e bloccata spina dorsale
Se sto coi medici esco morto dall'ospedale
Scrivo il Carisma da vivere e testimoniare
Il nostro lavoro sono diavoli da scacciare 

 

Paolo Fortunato  

Malga Zures : Padre Angelo Benolli, Daniela Fortini, Marco Casuccio, Leonardo Rizzuto, Francesca Palombi e Angela Ferraro a Malga Zures con i volontari donatori da Emilia Romagna, Umbria, Lazio e Campania Solidale
Venerdì, 21 Giugno 2019 05:46

Malga Zures 2019

   Nago - Torbole (TN)  

Turno 13 - 16 Giugno 2019

Padre Angelo Benolli, Daniela Fortini, Marco Casuccio, Leonardo Rizzuto, Francesca Palombi e Angela Ferraro a Malga Zures con i volontari donatori da Emilia Romagna, Umbria, Lazio e Campania Solidale

 

Alla Malga …ci sono tutti

Nel silenzio anche il vento s'inchina

Adorando l’ Autore d'ogni soffio

Ch'a sua natura vuol ogni anima vicina.

 

In tempio natural non più stalla

Umili e semplici si ritrovan molti

Davanti al Re senton lor io potenzial che balla.

 

Il tuo passato par montagna invalicabile

Ma sali un pò sul tuo alto

Cogli via uscita più che palpabile.

 

Da qui sembra tutto vicino

Con nuova lente del carisma

Vedi possibile e necessario il tuo giardino

 

Come Gesù va oltre sul lago

Andiam oltre ostacoli e contrasti

Certi di Dio con noi lasciamo Nago

 

C'é chi si scopre Mary Stella non pianeta

Dina che scioglie i lacci e non inciampa

Linamorata lascia senza parole pure Maria Loreta 

Dal sito Ioacquaesapone : La cultura di oggi riesce a vedere i traumi registrati nell’inconscio? - di Padre Angelo Benolli
Giovedì, 13 Giugno 2019 12:55

La cultura di oggi riesce a vedere i traumi registrati nell’inconscio?

La realtà di fede e di scienza oggi riescono a vedere i segni prodotti dal non amore, che rimangono sempre registrati nell’inconscio di ogni persona?

 

La Sacra Scrittura giustamente dice che chi non sta nell’amore sta nella morte e che solo l’amore risolve la moltitudine dei mali. Infatti, chi non sta nell’amore, rimane come un corpo senz’anima. Tutto il suo essere resta disturbato, impotente ad ogni autentico scambio e, via via, si spegne come un filo d’erba senz’acqua. 

Tutta questa esperienza non solo permane radicata e registrata nella sua vita, ma è destinata ad aggravarsi sempre più, fino a che la persona non troverà tutto l’amore che gli manca e che è estremamente necessario per risolvere la moltitudine dei mali prodotti dal non amore sul suo spirito, sulla sua anima, sul suo sesso, sulla sua mente, sul suo corpo. Infatti, il non amore ferisce sempre il rapporto con Dio, colpisce sempre le energie dell’anima, riduce e devia sempre il sesso, disturba sempre la mente e fa soffrire il corpo. Oggi purtroppo ci troviamo di fronte a centinaia di milioni di persone che soffrono per il non amore e, in proporzione, ne portano tutte le conseguenze.

Malga Zures : Padre Angelo Benolli, Daniela Fortini, Sara Pietropaoli, Giovanni Carini e Nicola Demeo a Malga Zures con i volontari donatori da Emilia Romagna, Umbria, Puglia, Sardegna, Lazio, Basilicata e Campania Solidale
Domenica, 09 Giugno 2019 06:07

Malga Zures 2019

   Nago - Torbole (TN)  

Turno 30 Maggio - 2 Giugno 2019

Padre Angelo Benolli, Daniela Fortini, Sara Pietropaoli, Giovanni Carini e Nicola Demeo a Malga Zures con i volontari donatori da Emilia Romagna, Umbria, Puglia, Sardegna, Lazio, Basilicata e Campania Solidale

 

Puoi arrivare primo

E non arrivare mai

Puoi arrivare ultimo

Ed accorgerti che c'eri assai

Né primi né ultimi vuole Dio

Ma solo chi sta fuori dall'io

Chi lotta momento per momento

per le alte vette sempre avere dentro

Dio mi ama ed è sempre con me

Ma solo se pulita torno senza ma e senza sé

Se in Dio sempre credo e alla carità con tutti provvedo

Fino a tutti i giardini veder fiorire

Ed dei gemellaggi con i poveri il mondo nutrire

Grazie Dio, grazie Maria, grazie Gesù

Grazie Spirito Santo che non ci lasci più

Grazie P. Angelo perché tu ci sei stato e con Dio hai sempre collaborato. Fino a dare a tutta l'umanità che era in agonia

il carisma che ormai nessuno ci può più portare via

Gli uomini e i diavoli passeranno, ma le altissime ed eterne montagne rimarranno

Così il carisma e gli uomini che lì staranno, saldi nei gemellaggi degni il mondo trasformeranno

Signore fai che i segni dei tempi cogliamo

Oggi solo nel carisma ci salviamo

Il mondo sta finendo sommerso dai diavoli e gli uomini che li scelgono

Ma la luce completa dell'inconscio oggi al mondo hai donato

Per cogliere che di nessuno è colpa ma il tempo è ormai terminato

Ora ce l'abbiamo, non scherziamo e non dubitiamo

Sempre alti saliamo, conquistiamo ed amiamo

Daniela Fortini

Malga Zures : Simona Monaco, Elisabetta Sbrolla, Silvia Andrian, Angela Armentano a Malga Zures con i volontari di Calabria, Latina e Lodi Solidale
Giovedì, 30 Maggio 2019 11:16

Malga Zures 2019

   Nago - Torbole (TN)  

Turno 23 - 26 Maggio 2019

 

Simona Monaco, Elisabetta Sbrolla, Silvia Andrian, Angela Armentano a Malga Zures con i volontari di Calabria, Latina e Lodi Solidale

 

Grandine di maggio

Sul verde poggio del Baldo.
Grandine azzurra e cristallina
in tutta la sua essenza divina
Mi riporta a te, Madre Santa
Mi riporta a me, bimba in cammino
Che io possa il Carisma incarnare
nel mio quotidiano peregrinare
In Spirito e Verità ogni diavolo scacciare
E azzurra come la grandine a me tornare
Nel tuo ordine e nella tua luce
finalmente e profondamente AMARE

Mira Curcio

 

 

Malga Zures : Davide De Maria, Silvia Neposteri, Silvia Bruno con Caesar, Emmanuel e Margaret dall'Africa, a Malga Zures con i volontari donatori di Lombardia, Trentino e Friuli Venezia Giulia Solidale
Giovedì, 23 Maggio 2019 17:37

Malga Zures 2019

Nago - Torbole (TN)

Turno 16 - 19 Maggio 2019

Davide De Maria, Silvia Neposteri, Silvia Bruno con Caesar, Emmanuel e Margaret dall'Africa, a Malga Zures con i volontari donatori di Lombardia, Trentino e Friuli Venezia Giulia Solidale

Abbiamo avuto l'immensa grazia di vivere, sperimentare e condividere l'esperienza di Malga Zures. Persone degne dalle province di Trento, Milano, Vicenza, Pordenone e Venezia e dai quartieri di Appia e San Giovanni di Roma.

Grazie a Dio ed ai contenuti alla base di Italia Solidale e frutto dell'esperienza di Padre Angelo Benolli, abbiamo avuto la gioia di incontrarci tra persone semplici che cercano la propria dignità in Dio per Essere missionari nei territori italiani e con i bambini e le famiglie del Sud del Mondo e creare dei profondi gemellaggi di contenuto e qualità per vivere finalmente le relazioni vere ed autentiche che tutti meritiamo.

Davide De Maria

Malga Zures : Padre Stephen Ndewa, Caterina Casarano, Stefano Bovenzi e Zoe Paolini a Malga Zures con i volontari donatori di Torino, Roma e Marche Solidale
Martedì, 14 Maggio 2019 13:08

Malga Zures 2019

Nago - Torbole (TN)

Turno 9 - 12 Maggio 2019

Padre Stephen Ndewa, Caterina Casarano, Stefano Bovenzi e Zoe Paolini a Malga Zures con i volontari donatori di Torino, Roma e Marche Solidale

 

ReZures-sione

Dall'Altissimo concepiti 
Solo lì dobbiamo stare
Ma dove siam finiti
E cose c'è da fare

Non fare ma sii mi ricorda
L'Angelo di Dio creativo 
Se neurone mai si scorda
Tu con Dio sei sempre vivo

Quanto vuoi che salga 
Con Sigillo unico donato 
Un inizio è qui alla Malga
Per la completezza del Creato

Qui solcano i tempi come barche 
Per salvare ogni bambino
Uniti in Dio e a Toirno
Traghettatori da India, Africa, Colombia, Paraguay Roma e Marche

Siam risorti in qualche giorno
Ora la chiamata è si concreta 
Seppur non vogliamo far ritorno 
Il gemellaggio è la vera meta

Con il 6,5 e 4 siamo a Maggio
E la Madonna è l'Esempio 
Testimoniamo con coraggio
Per far fuori tutto l'empio

Questa è Eucaristia mondiale 
Che fa fuori ogni male 
E con il Carisma e con Gesù 
D'amare non smetti più

Stefano