Padre Angelo sviluppa maggiormente questa realtà antropologica, dopo aver visto la difficoltà nelle relazioni familiari. Per aiutare le famiglie ad arrivare ad un autentico amore scrive il suo terzo libro, “La Famiglia non si Inganna”. Esso è concepito come risposta alla realtà di sofferenza all’interno delle famiglie, che nel 50% dei casi arrivano a separazioni e divorzi. Per sperimentare una cultura che aiuti davvero le famiglie è necessario partire dalla natura e dalla storia di ogni persona, il cui Io Potenziale è la condizione “naturale” della persona in Dio, con tutta la forza di Dio, del carattere, del sesso, dei nervi, del corpo e della mente. Il libro offre gli strumenti antropologici e scientifici per mantenersi sempre pieni di natura ed amore come esige il bambino, con una particolare attenzione alla novità antropologica delle forze dell’Albero della Vita, che sono per il 90% inconsce e che irrorano il rimanente 10% che è la forza della mente, di cui vengono approfonditi i contenuti e la reciproca connessione. Mancando questa cultura dell’inconscio, non si può comprendere cosa accade alla sessualità quando il carattere non si mantiene in Dio; cosa accade ai nervi quando la sessualità non è ben sviluppata; cosa accade al corpo per la debolezza dei nervi. L’80% delle malattie hanno proprio queste cause. Il libro contiene una profonda analisi sulla necessità di una nuova antropologia per la famiglia e gli strumenti concreti per poter raggiungere l’innamoramento e la pienezza dell’amore nella famiglia per la propria persona, per la coppia, per i figli e per Dio (sono i primi punti dei Dieci punti di Sviluppo di Vita e Missione). E’ una nuova cultura di vita che conduce all’esperienza della Creazione, della Redenzione e della pienezza dello Spirito che è la persona con Dio, così come è stata creata, indipendente da tutti gli uomini ma che sa amare tutti gli uomini. Questa esperienza, come quella della Madonna, che è la persona con Dio e Dio con la persona, è la civiltà della Chiesa.

 

Acquista ora