Generale : Tutti chiamati ad essere missionari per scacciare ogni Virus - di Davide de Maria
13-03-2020

Tutti chiamati ad essere missionari per scacciare ogni Virus

 

ASCOLTA LA LETTURA DEL DOCUMENTO 

  1. Ringrazio Dio Padre, Figlio e Spirito Santo per il Carisma che è l’unico vero Antivirus del  nostro tempo e che oggi sta già concretamente sostenendo il cammino personale dall’inconscio alla missione di migliaia e migliaia di bambini, famiglie, comunità, zone e missioni tra i poveri di Africa, India e Sud America e sempre più anche nei tanti territori d' Italia. Due milioni e mezzo di persone che oggi stanno veramente ritrovando se stessi, Dio e delle vere relazioni comunitarie e di gemellaggio eucaristico internazionali che rafforza le famiglie ad essere formate da veri maschi e vere femmine capaci di ben amare e ben lavorare e salvare cosi tutti i bambini.
  2. In questi giorni sto sentendo a distanza varie persone degne dei territori di Milano e della provincia che in questo momento vivono l’epicentro dell’epidemia del Coronavirus.

Spesso collego via Skype in contemporanea sia la persona degna del territorio che la persona degna della missione del Sud del Mondo. Ho la gioia di partecipare ma senza essere il centro perché il centro è Dio che si manifesta oggi attraverso il Carisma nei Giardini, bambini e gemellaggi.

Incontro persone via Skype ed è una gioia per me e per loro perché finalmente possiamo far fronte personalmente ed insieme in Dio e nella carità ai Diavoli del nostro tempo.

  1. Il coronavirus è un virus diabolico. È un virus subdolo che si è diffuso percorrendo le vie della globalizzazione economica. La globalizzazione dei soldi, del potere, della borghesia, della materia, dell'omologazione, della dipendenza, della passività, della schiavitù. Come tanti prodotti cinesi ha iniziato a diffondersi in Cina, poi in Germania, poi nel Nord Italia ed infine nel Mondo. Oggi c’è la globalizzazione del virus.

Il Coronavirus è un virus malefico. Subdolo. Si insinua nei polmoni. Toglie il respiro. Ci fa mancare l’aria per respirare. Ci Opprime, ci soffoca.

  1. La realtà però è che al di la del contagio fisico, siamo già tutti contagiati, senza colpa, nello spirito da molto tempo.

Quanta gente oggi è apparentemente viva ma soffocata, oppressa, senza aria. Quanta gente oggi è in balia delle globalizzazione economiche che schiavizzano. Quanta gente oggi vive una falsa scienza o una falsa fede.

Quanta gente oggi è viva nel corpo perché respira ma è morta nello spirito perché soffocata da tanti virus che impediscono all’anima di respirare.

  1. Ringrazio Dio oggi per il Carisma che è l’aria pura necessaria per respirare e per areare i nostri polmoni ma soprattutto per la nostra anima.

Il Carisma è  una grazia immensa che Dio ci ha donato attraverso di te, Padre Angelo ed attraverso il tuo costante e coerente atteggiamento di essere “Abramo” in “Cristo” nel mettere sempre Dio e la Sua volontà prima di tutte le cose umane.

Lo Spirito Santo davanti a questo tuo Essere Profeta consacrato a Dio attraverso la Madonna, ha avuto la gioia di soffiare il Carisma verso tutti i confini della terra dove i poveri lo hanno colto e sempre di più lo stanno vivendo e testimoniando.

 

 

Sono sempre più convinto che Dio, nella sua sapienza, vuole salvare il Mondo dandoci ancora un’opportunità anche al nostro occidente in balia del diabolico Coronavirus attraverso il Carisma ed attraverso i poveri che lo testimoniano.

  1. Grazie Padre Angelo perché la tua vita è stato “strumento attivo” nella volontà Dio. Il Carisma è grazia di Dio che ha sempre benedetto la tua coerenza da “sesto grado” nella concreta esperienza di scienza collegata alla fede e di fede collegata alla vita dove hai toccato la realtà delle tante persone che hai incontrato nei tuoi 88 anni di vita, 61 di Sacerdozio e 54 di incontri dalla mattina alla sera con persone di ogni continente, religione, stato sociale.
  2. Questa enorme esperienza ti ha portato ad immense scoperte che oggi sono il fondamento del Carisma come, ad esempio, che ogni bambino nei primi 30 giorni è solo persona con Dio e Dio nella persona con tutta la sessualità genitale nell’amore e con tutta la dignità, la libertà, la gioia, la pace. (vedi primo DVD). Una novità scientifica, religiosa, antropologica immensa che non si era mai vista prima e che oggi ci dona una nuova luce per cogliere l’immensa meraviglia della nostra vita e della vita dei nostri fratelli.
  3. Nello stesso tempo hai toccato con mano che, pur essendo creati con questa intrinseca meraviglia di vita e amore, oggi la quasi totalità delle persone si ritrova a vivere profondamente lontana da sé, lontana da Dio (anche se “ufficialmente credente”) e lontana dagli altri.

Hai toccato con mano come tutto il male personale, familiare, comunitario, sociale, scientifico, religioso, politico, economico è conseguenza di secoli e secoli di non amore e che tutto ha sempre una radice inconscia e sessuale. Questo è il vero virus su cui si inserisce il Coronavirus.

  1. Il bambino pur essendo creato da Dio nel Suo immenso amore, dal 31esimo giorno incontra tutto l’opposto rispetto alla sua dignità. Il bambino attraverso il contatto con la madre riceve tutti i virus della storia dell’umanità a cui non riesce a far fronte. Tutto il male dei secoli entra nel bambino come un veleno e si registra nelle cellule nervose inconsce che tutto registrano e non cambiano. In modo subdolo il veleno entra e si fissa sulle nostre cellule nervose inconsce. Tutto va sui nervi e senza volere ci identifichiamo negativamente col male e di conseguenza ripetiamo nel presente un passato falso, che non ci appartiene e che non è coerente con la volontà di Dio e con la nostra anima e di conseguenza il sesso si disperde nelle rimozioni (perché il bambino è talmente ferito che si blocca su tutte le relazioni), negli isolamenti (il bambino non crede più nelle relazioni e si isola), nelle omosessualità (il bambino non riesce a relazionarsi col diverso), negli incesti (il bambino si relazione ma perde la sua identità per elemosinare relazione e quindi il toro si fa bue e la femmina giovenca) o nelle prostituzioni (le relazioni ci sono ma ridotte alla materia); di conseguenza i nervi ed il corpo si ammalano e la mente mai può essere irrorata. Senza volere ci ritroviamo lontani dal Padre, non sperimentiamo il Figlio e non viviamo lo Spirito Santo e di conseguenza siamo in balia dei virus interni ed esterni.
  2. Ringrazio Dio per l’immensa scoperta delle identificazioni negative e del conseguente collegamento con la sessualità (ma chi vede oggi la sessualità come ce la proponi tu con tutta la luce, la fede e la carità?) che finalmente ci dona una vera luce sulla nostra ed altrui storia per poter finalmente vedere, affrontare e risolvere fino in fondo con tutto l’amore della vera Madre e “lavando le nostre vesti nel sangue dell’Agnello” per tornare ad Essere bambini nel vero Padre ed amare nel soffio dello Spirito Santo.
  3. Scoprendo la novità delle identificazioni negative però Dio ha fatto attraverso di te uno dei più grandi doni per l’umanità e cioè la grandiosità del senso profondo che “tutti siamo missionari” perché come tu mi hai detto qualche tempo fa “Essere missionari nel nostro tempo nasce dal fatto della libertà e cioè che o si vede il male che va contro le proprie ed altrui energie personali e con luce e forza lo si fa fuori o tutto quel male ti viene addosso come un veleno. Non lo vedi e ti identifichi negativamente col male. Essere missionari è un fatto personale e di continua manifestazione di vita per essere in Cristo e con Cristo per parlare lingue nuove, scacciare i Diavoli, non farsi più condizionare e guarire ogni malattia.

Essere missionari oggi richiede tutta la sessualità genitale in Dio per far fuori permanentemente tutti i Diavoli inconsci propri ed altrui. La chiamata è personale ed è per la completa dignità e sessualità nell’amore per essere realmente sposati con Dio come Abramo, come Cristo, come la Madonna.” 

Oggi più che mai viene fuori con chiarezza che tutti siamo missionari.

O facciamo fronte con luce in Cristo e nella carità al male in noi ed intorno a noi o quel male ci viene addosso e si registra sulle nostre cellule nervose inconsce che e che  poi pur non volendo ripetiamo nella nostra vita ed altrui vita.

O siamo missionari per far fronte al male oppure ci identifichiamo negativamente con esso e lo ripetiamo e quindi siamo virus e contagiamo i nostri fratelli di virus.

Essere tutti missionari è veramente arrivare a tutta la genitalità, tori e femmine sessuati che fanno i partigiani contro tutti i virus. Essere missionari è vivere i gemellaggi nei tempi e nei modi giusti.

Per far fuori i virus non basta chiudersi in casa ma c è bisogno di aprirsi all’essere tutti missionari nel Carisma e nella pienezza della carità nel nostro tempo.

  1. Ringrazio Dio per la chiarezza ed essenzialità con cui tu, Padre Angelo, ci stai aiutando a cogliere l'immensità del Carisma non con la testa ma con cose semplici, chiare ed essenziali per uscire finalmente da tutte le rimozioni, gli isolamenti, le chiusure, le difficoltà col diverso, gli incesti e le prostituzioni per arrivare alla sessualità genitale nell’amore che tutti per natura ci meritiamo e che è l’unico modo per essere veramente capaci di respingere i virus.
  2. Per tutto questo è centrale il movimento delle persone degne, dei giardini, dei bambini, dei gemellaggi e delle relazioni e della linea missionaria semplice e ben definita che
    1. nel Sud del mondo oggi si esprime e si manifesta attraverso i poveri (dagli intoccabili indiani agli indios del Sud America fino ai Turkana, Karimojong o Pokot dell’Africa) che nel Carisma trovano se stessi, Dio, la famiglia, la comunità, la formazione di nuove comunità, la zona, il capannone e le relazioni gemellari internazionali attraverso le adozioni intercontinentali, interstatali, interfamiliari ed italiane.

Tocchiamo con mano questa immensità attraverso le tante testimonianze che ci arrivano dai continenti e che già stanno guardando moltissimi italiani.

  1. In Italia attraverso la speciale missione nei territori. In ogni territorio italiano si individuano 9 persone degne con cui fare i Giardini e salvare i bambini secondo le modalità stabilite per arrivare ad avere in ciascun territorio 45 nuove adozioni (il 9 ne fa 9, l'8 ne fa 8, il 7 ne fa 7 e cosi via) e due comunità (una formats dal 9,8,7,6 ed una formata dal 5,4,3,2,1)
  1. Italia e Sud del Mondo sono collegati nell’immensa esperienza dei gemellaggi e delle relazioni di contenuto e qualità e fondate sul carisma.

Il virus ha percorso le rotte della globalizzazione mentre la salvezza percorre i sentieri dei gemellaggi che rimettono al centro il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

  1. Davanti a questa grandiosità prego che tutti possiamo sperimentare l’essere Abramo per arrivare al nostro Carisma personale nel Carisma di Dio per vivere, sperimentare e testimoniare la gioia di ritrovare noi stessi, la vera sessualità genitale, la vera libertà, la vera dignità, la vera indipendenza, la vera esperienza di relazione con i fratelli vicini e lontani.

Prego dal profondo del cuore che tutti possiamo essere degni e dunque vivi missionari in Cristo per fare permanentemente fronte con Lui a tutti i virus inconsci nostri e dei nostri fratelli e per dare una risposta di spirito e pratica al profondo bisogno di amore che alberga nella nostra anima e nell’anima di tutte le persone che oggi soffrono ed aspettano una risposta risolutiva e completa in Dio e per la loro vita.

Solo così si può vincere il virus. Solo così si torna ad essere persone con Dio, nel Cristo e nello Spirito Santo per contagiare il Mondo di amore vivo, vero e nuovo come la Madonna sempre ci testimonia. 

Che Dio ci benedica 

Davide De Maria