Generale : Lettera di ringraziamento da Vithura - India a Padre Angelo Benolli
jeudi 9 juillet 2020 15:40

Lettera di ringraziamento dalla missione di Vithura - India

Prima di incontrare Italia Solidale la mia famiglia era molto povera e piena di debiti a causa della nostra cultura e del condizionamento della dote nei matrimoni combinati

 

Caro Padre Angelo Benolli,

sono molto felice di scriverti questa lettera in questo momento. Il mio nome è Remya e vivo in Kerala, India e sono collegata alle 200 famiglie della missione di Vithura Solidale.

Ringrazio molto Dio per avermi dato questa opportunità di vita e missione. Grazie Padre Angelo per aver dato al Mondo questa cultura da vivere nel Carisma.

Questo Carisma ha salvato me e la mia famiglia. Prima di incontrare Italia Solidale la mia famiglia era molto povera e piena di debiti a causa della nostra cultura e del condizionamento della dote nei matrimoni combinati. Per cercare di risolvere questi problemi finanziari mio marito è andato a cercare lavoro nel Golfo a Dubai. Pensavamo di risolvere i nostri problemi invece nella lontananza ho iniziato a sentirmi sola, ho perso relazione con mio marito e le mie figlie si sono sentite abbandonate e hanno iniziato ad avere vari problemi di salute.

In questa situazione ho incontrato Italia Solidale quando Paolo è venuto nel mio villaggio. Lui mi ha chiesto di dare una mano per tradurre in inglese gli incontri. Ho iniziato a leggere il libro “10 punti” e subito ho deciso di partecipare ad una comunità e a partecipare a tutti gli incontri settimanali leggendo i libri. Ho poi avuto la grazia di vedere e tradurre a tutte le comunità il video della creazione. Mi sono resa conta che Dio ci crea con tutto il rispetto, l’amore e la libertà.  Grazie ai tuoi libri e alle testimonianze degli altri volontari mi sono resa conto del mio valore. Prima temevo sempre il giudizio degli altri e mi sentivo “nulla” dopo quel video la paura era scomparsa, mi sono sentita forte e piena del valore di Dio.

 

Mi sono impegnata sempre di più prima nella mia comunità, poi nella zona, arrivando poi a dare una mano a tutta la missione visto che c’erano dei problemi tra vecchie e nuove famiglie.

Grazie al meeting di Bangalore nel 2018 ho avuto la possibilità di iniziare a prendere posizione nella mia vita e sul mio lavoro che non mi rispettava. Avevo molti contrasti nel lasciare il mio lavoro perché era l’unica fonte di sostentamento per i miei figli visto che mio marito era lontano e non ero più in buona relazione con lui. Sentivo però dentro me la spinta a rispettare me, questa missione e i tanti bambini delle famiglie di Vithura Solidale.

Leggendo di nuovo il libro “i 10 punti” ho visto chiaramente che al prima posto c’è Dio, poi la persona, poi la famiglia e solo dopo il lavoro. Con fede ho lasciato il mio vecchio lavoro e mi sono licenziata così da poter essere libera di partecipare a tutti gli incontri di Italia Solidale. Ho preso posizione con mio marito dicendogli chiaramente di tornare a casa che non c’era bisogno del suo lavoro lontano perché io avevo riscoperto Dio. Ho detto a mio marito chiaramente che se fosse tornato a casa, io sarei andata avanti come missionaria in questo carisma. Ho sentito che potevo vivere nella Volontà di Dio. Per questa possibilità concreta grazia ancora a te Padre Angelo e ai tuo libri! Sento ora che posso vivere come vera femmina e per questo poi ho visitato altre missioni del Kerala per portare la mia testimonianza.

Nel mese di ottobre 2018 mi hai invitato in Italia e sono venuta per vivere i gemellaggi. Questa esperienza mi è stata molto utile per capire le grandi sofferenze che vivete anche voi italiani. Ho incontrato tantissimi donatori e persone degne che come noi in India si impegnano in questo Carisma. Abbiamo scambiato esperienze su questi contenuti e cercato nuove persone degne insieme. Ho visto la differenza tra gli italiani che leggono i tuoi libri e fanno comunità e quelli che non vivono questa esperienza.

In Italia ho trovato le mie forze. Per la prima volta mi sono mossa da sola esprimendo la mia personalità e la mia forza, ho toccato dentro di me tanti aspetti di cui si parla nei tuoi libri e mentre sentivo i tuoi approfondimenti ho fatto esperienza della verità delle tue parole durante gli incontri con le persone.

Ho ricevuto molte benedizioni da Dio attraverso questo Carisma. A livello personale ora sono una donna più libera e missionaria. Quest’anno altre grande benedizioni sono arrivate. Con il sostegno del donatore italiano ho aperto una piccola attività lavorativa indipendente. Ho un piccolo negozio in cui vendo the e altri prodotti. Ho iniziato a costruire una mia casa per la mia famiglia indipendente dai miei genitori. Dopo 3 anni è tornato mio marito dall’estero e finalmente stiamo ripartendo insieme su nuove basi di vita e amore la relazione di coppia e famiglia. Anche mio marito ora è missionario e mi accompagna in tutte gli incontri e le visite alle famiglie. Io mi sento più forte e sicura di questa missione di Dio ora che la mia famiglia è di nuovo unita, anche le mie figlie non hanno più problemi di salute.

Quest’anno a causa del corona virus abbiamo sofferto molto ma nel collegamento con le altre missioni dell’India e del Mondo ci siamo resi conto che in tutto il mondo si è verificato questo virus che ha bloccato tutti. Grazia a Dio e al sostegno che ci siamo dati tra noi comunità solidali e grazie anche all’aiuto del Governo locale che ci ha subito aiutati non abbiamo avuto problemi di cibo. Stiamo tutti bene e anche i nostri bambini. Grazie a Paolo che ci è sempre stato vicino e grazie a te padre Angelo che ci hai prontamente aiutato attraverso il contributo dei donatori italiani nel momento del bisogno.

Io, il mio villaggio e tutto il Kerala abbiamo ricevuto tanto da questo carisma e abbiamo ricevuto tanto anche dall’aiuto dato negli scorsi anni durante il tempo delle forti alluvioni. Ci ricordiamo del vostro amore. Per questo io e le persone degne della mia missione abbiamo deciso di offrire il contributo economico che abbiamo ricevuto a Giugno ad altre persone bisognose in India che non hanno da mangiare. Vogliamo aiutarle concretamente e testimoniare loro il carisma. Magari possiamo formare nuove comunità anche in un’altra zona dell’India. Il contributo economico che inviate è un dono di Dio prezioso e vogliamo che porti frutto.

Grazie Padre Angelo per questa stupenda proposta e missione, grazie a tutti i volontari italiani e nel mondo e un grazie speciale a Paolo per il suo spirito e sostegno. Dio ci benedica tutti!

Con ammirazione

Remya Shiji, Vithura, Kerala, India Solidale