Generale : Testimonianza di Francesca Palombi sul movimento missionario personale italiano e mondiale
Friday, 02 October 2020 15:04

La missione e le comunità per uscire da tutti gli inganni personali e culturali

La dignità di ogni persona è grande proprio perché nell’ ”Io Potenziale” c’è il sigillo di Dio che sempre geme per trovare tutta la verità la libertà e la carità

Carissimo P. Angelo, sento la necessità di scrivere per ringraziare Dio e profondamente te per la tua testimonianza e tenuta a partire sempre e solo da Lui, per rispettare e tutelare il carisma che Dio ti ha donato, carisma che è grazia della Sua misericordia per l’uomo di oggi e per tutta l’umanità. Ringrazio per tutte le esperienze fatte fino ad oggi a livello personale e comunitario attraverso la comune missione che ci spinge partendo dalla carità per i poveri nel sud del mondo; che ci spinge a tutta la carità necessaria per ognuno di noi per far fuori con Cristo tutti i diavoli inconsci nostri che per mancanza di amore, luce, fede, e carità hanno sempre colpito tutte le forze del nostro albero della vita. Di conseguenza hanno prodotto enormi fissazioni e identificazioni negative che sempre ci hanno indotto e ci hanno bloccato ad sperimentare una vita non vita, che non è mai la nostra vita e non è mai la vita di Dio, è sempre di qualcun altro e proprio di questa vita colpita nell’inconscio nessuno ne ha conoscenza. Tu Padre Angelo hai portato alla coscienza questo grande dolore che ognuno di noi per il non amore ha nell’inconscio. Personalmente fino ad oggi è stato per me un tempo necessario per arrivare a cogliere come davvero il carisma, che è proprio un Carisma da Vivere e Proporre, è l’unico modo oggi per smascherare i mille diavoli e inganni inconsci e non solo a livello personale o famigliare, culturale, sociale, religioso, ma soprattutto quanto è vero che sono inganni secolari, mai visti e risolti. Questi inganni li incontriamo tutti quando vogliamo essere missionari, quando vogliamo veramente amare.

 

Oggi ringrazio per la grande profezia degli incontri trinitari che personalmente sto sperimentando con Mia nei territori che sento che Dio mi ha affidato non per caso! Questo fatto della direzione, questo fatto delle persone nei territori e questo fatto trinitario di verità e carità è proprio una grazia di Dio. Da anni in particolare ho sempre seguito i territori della provincia di Frosinone e della periferia di Roma, Frosinone è la mia città natale, dove sono vissuta per 25 anni, e di cui ho respirato e inconsciamente assorbito tutto, come se la vita fosse quella. Negli anni grazie alla missione nei territori, ho sempre avuto la grazia di trovare belle persone lì, persone molto semplici e tanto disponibili aventi nel cuore la vita dei bambini nel sud del mondo, ma nonostante tanta buona volontà mai siamo arrivati alla completezza dei gemellaggi, alla completezza delle comunità, mai ad una vera sessualità genitale, eravamo sempre tutti pieni di diavoli e buone intenzioni ma non eravamo missionari. Oggi posso dire che ciò che è sempre mancata è stata la luce sul diavolo vero che era dentro di noi, che ci impediva di fare questo passaggio alla completa missionarietà. Attraverso le comunità delle persone degne, siamo arrivati a cose vere ma sempre troppo ridotte. Allora oggi ringrazio perché ci che Dio ci chiama a far fuori i diavoli che non solo quelli personali o famigliari; quando ci dici di non stare su tuo padre o su tua madre: è proprio quello che per grazia stiamo sperimentando oggi. Finalmente ora ho delle relazioni, e anche le persone degne stanno venendo fuori dal vecchio per arrivare alla nuova stirpe come la Madonna. Per la prima volta, sento la certezza che tutto si realizzerà con questa nuova esperienza di rimanere sui 5 territori, poche persone, 25 fino a quando tutto sarà completato, impegnandoci per realizzare non solo le adozioni e le comunità, ma fare la vera missione che è quella di far fuori i diavoli dell’inconscio e rimanere così nella grazia di Dio che mai è più debole di quelli che sono i diavoli, Lui è sempre più forte di ogni diavolo! Affermo questo, perché grazie alla partecipazione di Mia, fuori e staccata da tutta le realtà culturale che accomuna me con i degni nei miei territori, abbiamo toccato un diavolo enorme, che non è solo di Francesca, ma è di tutte le persone di quei territori, ed è il non sentire il valore di sé, la profonda rassegnazione a ciò che ci si pone davanti, la mancanza di fiducia che Dio con noi, se non ci rassegniamo, se non rinunciamo alla sacralità della nostra persona con Lui, allora Lui vince sempre, fa fuori tutti i diavoli.

Oggi, il fatto di essere ancora lontani dai frutti, è per me e per tutte le persone degne una grande grazia, perché finalmente abbiamo toccato un diavolo secolare, quindi adesso abbiamo la luce, e ora, personalmente e comunitariamente possiamo darci una mano, sappiamo contro cosa con Cristo e con la carità dobbiamo combattere. C’è stata tutta una falsità, una dipendenza, una rassegnazione che ci ha portato ad essere sempre lontani da Dio e da noi. Per questo non crediamo, per questo non preghiamo, ma se non amiamo e non salviamo i bambini, non solo profaniamo il carisma, ma inganniamo noi stessi e gli altri. Questa mancanza di frutti è una grazia che ci chiama alla nostra identità, nella grazia con la Trinità come la Madonna per finalmente saper ben lavorare e ben amare, ma non solo, per finalmente trovare completamente noi stessi in Dio e nella carità ai fratelli. Ma la dignità di ogni persona è grande, proprio perché nell’io potenziale c’è il sigillo di Dio, che sempre geme per trovare tutta la verità, la libertà e la carità, per cui nonostante questa realtà Dio sta già intervenendo e ci sta sostenendo a far fuori questa rassegnazione che mai ci fa essere veri maschi o vere femmine. Con questo mio spirito, trovando persone degne, adesso i frutti iniziano ad arrivare. Tutto questo presuppone una mia completa adesione al Carisma, e sento che questa adesione diventa sempre più tale non perché l’ho detta con la mia bocca o con la mia testa, ma è un’adesione che prende vita e si rafforza momento per momento in proporzione che sto con Dio, in proporzione che credo in Dio, e proprio perché sto con Dio e credo in Dio sperimento il valore di me e non mi riduco più su niente e su nessuno; non riduco tutte le volte che mi costringo a fermarmi per ringraziare e valutare tutto ciò che si muove in me e intorno a me e non riduco l’immensità che c’è in poche righe a solo come se fossero solo cose pratiche, e così sviluppare parallelamente quello che è il mio percepire, partecipare e permanere con questa luce, con Gesù, alle meravigliose persone degne con cui sono in relazione. Ho bisogno ancora di purificarmi, affinché anche loro proprio attraverso di me, purificata, possano esprimere finalmente la loro meravigliosa dignità, unicità e irripetibilità con cui Dio ci ha creati, dove ha fatto fuori sia negli spermatozoi che negli ovuli tutti i condizionamenti delle identificazioni negative che oggi abbiamo addosso ma che per natura e creazione non ci appartengo, ne a noi e ne a Dio.

Allora io sto con Dio perché Lui è più forte di ogni diavolo e di ogni condizionamento. Da questa collaborazione abbiamo visto insieme, quanto questa cultura è necessaria per far fuori i diavoli veri, secolari, che bloccano le persone nella loro espressione, nella carità e abbiamo anche visto l'impotenza di una falsa religione e una falsa scienza che non hanno la base di questo carisma.

Nel mio gruppo ci sono psicologi che hanno riconosciuto i limiti della psicologia senza Dio, e scoperto il valore del carisma per vedere e solo con la carità risolvere tutto ciò che sempre viene dal non amore. Mi dicono che hanno cominciato finalmente a rispettarsi e a rispettare. Seppure ad oggi, numericamente siamo lontani da tutti i frutti, sentiamo che rimanendo sull’essenziale e cioè, partendo da Dio, per salvare i bambini, arriveremo, noi con Lui e Lui con noi, non solo per il sud del mondo, ma anche a tutti i bisogni della nostra Italia. I primi frutti ci sono, ringrazio per le persone come Sara che oltre ad essere impegnata per salvare i bambini, ha iniziato a partecipare a tutto un insieme di mondo solidale, collaborando con le traduzioni in spagnolo in comunione con Antonella per tutto il Sud America Solidale.

Ringrazio per Alba che si sta umilmente impegnando per salvare i bambini attraverso la sua creatività sperimentando relazioni con persone semplicissime dei suoi territori.

Ringrazio per Dina da sempre impegnata a coinvolgere nuove persone e che sta testimoniando come momento per momento fa fuori tutti i blocchi attraverso le relazioni missionarie nei territori.

Ringrazio per Giulio, psicologo che attraverso il carisma sta rivoluzionando la sua vita personale, familiare e professionale.

Ringrazio Fabiola che porta sempre con sé l’esperienza di ordine, silenzio, luce, preghiera e carità di Malga Zures, e anche lei ha mandato all’aria la psicologia e si sta dedicando solo al carisma.

Ringrazio Carla che ha ritrovato forze che non pensava di avere proprio attraverso la missione e ne ha ricevuto tutta una guarigione, anche nel corpo.

Ringrazio per tante altre persone ancora molto impegnate. Insomma, c’è molto di più, ma sento che c’è per la prima volta una grande novità, ed è la presenza dello Spirito Santo che davvero non vuole più che i diavoli operino in noi e tramite noi negli altri. Per cui la mia preghiera è quella di permanere personalmente ma anche come corpo in tutta questa grazia e partecipare quanto necessario con la preghiera, con la fede e la carità per non profanare più né me, né Dio e né le persone che incontro. Sento una grande apertura su tutti i fronti e prego che tutto, in spirito e pratica, arrivi alla completezza, a toccare i diavoli secolari e fuori da ogni dipendenza o rassegnazione farli fuori, con una luce nuova, un fede viva, e una missionarietà rinnovata verso se stessi e gli altri, facendo vere comunità e vera missione. Prego affinché su ogni cosa possiamo arrivare alla completezza, senza lasciare nulla di incompleto, partendo sempre dall’insieme fino ad arrivare a tutti i particolari.

Una preghiera per te P. Angelo affinché la Madonna ti custodisca sempre dal maligno.

Francesca Palombi