Generale : Italia, ‘ruota quadrata’. Ecco come farla girare - di Antonella Casini e Padre Angelo Benolli
Tuesday, 22 December 2020 16:12

Italia, ‘ruota quadrata’. Ecco come farla girare

IL CENSIS RILEVA ANCORA PIÙ PAURA E FRATTURE TRA NOI. EPPURE MOLTI STANNO TROVANDO UNA VIA DI VITA VERA

«L’Italia è una ruota quadrata che non gira. Nell’anno della paura nera, l’epidemia ha squarciato il velo sulle nostre grandi vulnerabilità e ha vinto la logica del “meglio sudditi che morti”. Nelle vite rassegnate degli italiani, si è radicata l’economia del “bonus”. Sono stati  trasferiti in media 2.000 euro a testa a un quarto della popolazione. La frattura tra i “garantiti” e i “non garantiti”, non è mai stata così profonda. Milioni di persone (soprattutto giovani e donne), vivono nell’incertezza e nella paura di sprofondare nel baratro della disoccupazione».
Con queste parole il Censis, autorevole istituto di ricerche socio-economiche, descrive la situazione degli italiani nel 2020. Davanti a questa realtà siamo impotenti. Questa è la sofferenza più grande, ma nessuno la vede!

Oggi, però, possiamo uscire da questa situazione grazie alla nuova e completa antropologia sviluppata da padre Angelo Benolli in 90 anni di vita e 61 di servizio come sacerdote, missionario, scienziato e antropologo. Con i suoi libri, documenti e video, grazie alle comunità, ai gemellaggi mondiali da lui sviluppati, più di 2 milioni di persone in Italia, Africa, India e Sud America escono dalla paralisi e dalla cecità secolare; ritrovano Dio, la propria identità, la propria capacità di amare e lavorare bene, fino ad essere sussistenti e solidali.
Tutto questo nell’esperienza della condivisione sia con le piccole comunità del proprio territorio – che s’incontrano settimanalmente con i libri di padre Angelo – sia con le famiglie e le comunità degli altri continenti, grazie a un nuovo modo di fare “adozione a distanza”. Con questa “condivisione mondiale” si esce dagl’inganni secolari. Lo dimostrano migliaia di testimonianze che stanno arrivando da tutto il mondo. Oggi vogliamo presentarvene una molto significativa arrivata in questi giorni dall’Italia. Abbiamo chiesto a padre Angelo d’introdurla.
Ecco cosa ci ha detto.

Antonella Casini 

 

Auguro a tutti, continuamente, quest’esperienza di “Dio e della persona”

 

 

«Siamo ormai vicino al Natale e auguro a tutti l’esperienza della Creazione che è il primo Natale, dove il Padre, che crea ogni bambino, “fa fuori” tutte le identificazioni negative contenute negli ovuli e negli spermatozoi dei nostri genitori e rimane solo “Dio con la persona”, come mostro chiaramente, con “fotografie”, nel video da me realizzato sulla Creazione del bambino.

«Auguro a tutti, continuamente, quest’esperienza di “Dio e della persona”. Io sono un sacerdote “Oblato di Maria Vergine”, consacrato cioè a Dio attraverso la Madonna, per la salute propria, la propria santificazione e per combattere gli errori correnti con i mezzi ed i modi più attuali. Per 54 anni ho avuto un’esperienza davvero unica e immensa, incontrando persone di ogni cultura e religione per almeno 8 ore al giorno. In questa esperienza, ho sempre constatato le sofferenze immani delle persone nella fede, nell’anima, nella sessualità, nei nervi, nel corpo e nella mente.

«Ho anche visto le carenze della scienza senza Dio e senz’anima e della fede che non entra nella vita. Davanti a ciò non mi sono adattato, ma sono sempre stato come Abramo con Dio, per portare la scienza alla fede e la fede alla vita. Ho una gioia enorme per la testimonianza di questa persona che non conosco e che si è manifestata con questa lettera che mi ha lasciato sotto la porta di casa. Essa mi dice: “Grazie, grazie, grazie” e afferma di essere viva grazie all’antropologia espressa nei miei libri e alla carità che io esprimo. Dice anche che prima aveva raggiunto tutto ciò che si può desiderare nella vita: una bella famiglia,  un lavoro prestigioso… ma afferma chè da sempre è profondamente sofferente,  senza sapere perché e senza trovare mai una soluzione. Ora questa persona è completamente guarita. Ma prima non era riuscita, pur andando dai più grandi luminari della scienza (psicologi, psicoterapeuti, neurologi.). Qui è il problema!

«Io sono contento che questa persona ora è guarita. Poi leggerete la lettera. Ma tutte le persone hanno bisogno di trovare Dio, di trovare le proprie energie, come ha fatto questa persona e di essere liberi da tutte le falsità del lavoro, della scienza  e anche da tutte le falsità religiose, come testimonia questa persona. Io sono molto contento, ringrazio Dio e ringrazio questa persona perché, con la sua lettera, in questo tempo di Avvento, manifesta il bisogno che tutti hanno di arrivare alla volontà del Signore. Questa persona dice che se non avesse letto i miei libri sarebbe morta. Ho la gioia della guarigione di questa e di tante altre persone nel mondo con i miei libri. Ho la gioia del Natale, ho la gioia di come crea il Padre, di come Cristo salva, ho la gioia dello Spirito Santo, ho la gioia della Madonna Immacolata che è senza diavoli, ho la gioia della vita!

«Ringrazio il Signore di quello che ha fatto in questa persona e prego perché tutti quelli che non sono rispettati secondo Dio e non sono rispettati secondo il proprio inconscio, facciano il cammino che sta sperimentando questa persona.
«La ringrazio anche perché mette in luce l’importanza del fatto che ho cambiato l’inconscio di Freud. Io, incontrando tutte queste persone per 54 anni, sono rimasto incantato dall’inconscio, ma ho dovuto liberarmi dall’inconscio di Freud e riscoprire di nuovo l’inconscio con “L’Io potenziale”, con Dio e la persona, la persona e Dio, come il Padre crea. Così ho superato l’inconscio di Freud. Questo cambio è necessarissimo oggi. Quindi, perché credo in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo e nella Madonna, prego che ognuno faccia Natale, trovando completamente la propria gioia, la propria pace, la propria salute. Io ho 90 anni, ho gioia, pace, salute. Ringrazio Dio perché, pur avendo incontrato tante negatività, sono molto fuori dagli uomini, ho fatto come Abramo, mi piace stare con Dio come lui, che era disposto a “far fuori anche suo figlio” pur di non perdere la relazione con Dio. Poi aiuto gli uomini.

«Senza questa esperienza andiamo verso la morte e non ce ne rendiamo conto. Perché una scienza senz’anima e senza Dio non va. Ma anche una religione che si mette al posto di Dio e delle persone non va. Io sono contento perché abbiamo più di 2 milioni di persone e sono tutte missionarie. Cioè, non sono dipendenti da nessuno perché ognuno di noi non dipende da nessuno, ma è naturalmente missionario e auguro che ognuno sia missionario, fuori dalla negatività, dalle riduzioni mentali e legali del potere e del denaro. Che Dio vi benedica tutti perché dobbiamo tutti arrivare a questa completezza di vita».

Padre Angelo Benolli (Fondatore e Presidente di Italia Solidale – Mondo Solidale) 

Dal sito IlCaffe.TV  

--------------------

Avevo ‘tutto’, ma solo ora ho visto con luce

Lettera a Padre Angelo Benolli.

Caro Don Angelo,
Buongiorno e che il Signore la benedica.
Le scrivo questa lettera semplicemente per dire GRAZIE GRAZIE GRAZIE.

Oggi posso dire di essere vivo e probabilmente, senza l’antropologia espressa nei suoi libri e nella carità che lei esprime, io sarei senza dubbio già morto. Non è una frase ad effetto che scrivo per compiacerla, ma è la sacrosanta verità.

Secondo i canoni del mondo d’oggi, io sono una di quelle persone perfette e da invidiare. Sono sposato, ho dei figli, un prestigioso lavoro con importanti incarichi nazionali e internazionali. Osservando superficialmente la mia condizione sociale e familiare, tutto appare inappuntabile. Nell’intimo del mio cuore, però, ho sempre sofferto, perché tutto ciò che avevo in realtà non era ciò di cui avevo bisogno.

Ma di cosa avevo bisogno? Non lo sapevo. O forse è più corretto dire che non potevo saperlo.

Tutto sembrava perfetto, ma in realtà c’era un malessere che mi risucchiava negli abissi più cupi. Una strana e tenebrosa depressione che, nonostante le apparenze, mi faceva star male con me stesso, con mia moglie, con i miei figli. Questo malessere psichico avuto delle inevitabili ripercussioni anche sul corpo, con delle malattie nervose molto rare e che mi procuravano enorme dolore.
Stavo male e cercavo risposte. Mi sono recato dai migliori specialisti di Italia e forse d’Europa. Psicologi, psicoterapeuti, neurologi e luminari vari. Le assicuro che, avendo alte conoscenze, ho frequentato realmente i migliori medici della mente e del corpo che la scienza offre. La mia situazione psichica e fisica, però, non migliorava, anzi, tutto andava sempre peggio.

In tutto ciò, come avrà capito, non contemplavo minimamente Dio, da cui ero scappato a causa di cattive esperienze avute in parrocchia da adolescente.

Ciò che mi faceva rabbia è che né io, né le persone da me interrogate riuscivano a darmi delle risposte in merito al mio malessere. Io controllavo tutto, ma non riuscivo più a controllare il mio spirito e il mio corpo e neanche i luminari da me interpellati sapevano darmi delle spiegazioni né delle soluzioni. Stavo male e i dolori erano sempre più forti, ma andavo avanti con la mia vita.

Qualche mese fa, un mio amico mi ha fatto conoscere la sua Associazione. Ho intrapreso l’esperienza dell’adozione a distanza e ho iniziato a leggere i suoi libri. Al momento ne ho letti 2 ed ho iniziato il terzo.
Dalle tenebre in cui mi trovavo, ho iniziato a vedere la luce e tante cose che non ero mai riuscito a capire finalmente cominciavano ad essere chiare. Ho appreso con immenso piacere la sua innovativa visione dell’inconscio e il collegamento alla fede e all’amore che lei esprime con lucidità e chiarezza.

Desidero però comunicare con lei l’immensa gioia che ho avuto nel cogliere che ciò che stavo leggendo era finalmente la risposta che stavo intensamente cercando e che non avevo mai, mai, mai trovato. Ho iniziato a leggere i libri non con la mia testa malata e piena di concetti, ma con il cuore. Ho anche ascoltato alcune catechesi attraverso il sito di Italia Solidale. Nel leggere i suoi libri e nell’ascoltare le sue catechesi, ho sentito finalmente la mia anima pulsare. È stata una sensazione che mi ha riempito di gioia. Io non avevo mai sentito la mia anima. Ho rivisto con luce la mia vita, la mia infanzia, la relazione con i miei genitori e con la mia famiglia. In una parola, ho visto come già dal grembo materno, io non ho mai avuto AMORE. All’inizio di questa lettera ho scritto che io avevo tutto, ma non avevo ciò di cui avevo bisogno. Io ho scritto che non sapevo di cosa avevo bisogno. Finalmente ho capito che avevo bisogno di AMORE. L’amore che nessuno mi aveva mai dato e che, come lei spiega, si era registrato nei miei nervi che, pertanto, si erano ammalati. I miei genitori erano molto freddi e rigidi e non potevano amarmi. Io ho cercato di colmare questa forte mancanza d’amore con lo studio, il lavoro, i soldi. Inconsciamente cercavo di colmare questa lacuna con tante cose… ma il vuoto restava vuoto perché andava riempito con l’amore.

Come lei dice: “La vita non s’inganna” e infatti la depressione e la malattia ai nervi me lo hanno dimostrato. Ho iniziato a cercare l’amore vero e ringrazio perché ho ritrovato una fede in Dio che credevo definitivamente persa. Solo Dio poteva colmare quel vuoto di amore che ho sempre cercato di colmare con cose umane e materiali. Ho molto pregato la Madonna e Gesù e ho iniziato ad aprirmi all’amore. L’adozione a distanza in questo mi ha molto aiutato, perché ho percepito l’amore di questa famiglia povera a me collegata. Ho iniziato ad impegnarmi nel vivere e nell’amare e la mia anima si e pian piano risvegliata. Ho sentito l’amore. Non l’amore fasullo del mondo di oggi, ma l’amore della Croce di Cristo che mi aiutava ad essere diverso, nuovo. Ho iniziato a vivere meglio, ad amare e a rivedere la mia attività lavorativa.
La mia depressione andava via ed anche i miei dolori nervosi si sono via via ridotti. Oggi, caro Don Angelo, non ho più bisogno né di farmaci per la depressione e anche la malattia ai nervi è scomparsa. Ormai da settimane non ho più dolori e sono gioioso. I luminari non se lo spiegano, ma io so bene il perché.
Ora so che devo andare avanti e che devo impegnarmi anche nelle comunità come lei afferma.  Devo ringraziare lei, Don Angelo, ma anche i suoi missionari laici italiani e mondiali. Lei ha un bel gruppo di persone veramente eccezionali. Lei spesso dice che i suoi missionari non sono completi nei frutti. Io credo che i suoi missionari laici stanno facendo qualcosa di immenso per il nostro mondo malato e andrebbero molto più valutati. I suoi missionari, con grande impegno e dedicazione, non stanno facendo missione in Italia, ma stanno facendo missione nei gironi dell’inferno di dantesca memoria… perché oggi l’Italia è peggio dell’inferno di Dante. Immagino che incontrano davvero tante difficoltà e prego per loro. Oggi, o si vive nel Carisma, oppure c’è solo la morte.

In modo speciale devo ringraziare Davide De Maria, che ho avuto modo di seguire su Internet, nelle catechesi, su Facebook e che mi ha aiutato tantissimo a risolvere i miei problemi personali. Non l’ho mai incontrato, ma visto e letto solo su Internet. È una persona colta e competente, ma umile e capace di amare. Lui è una risorsa immensa per l’Italia e per il Mondo. Quando Davide esprime i contenuti, lo fa sempre con chiarezza e con collegamento alla vita e alla missione. È una persona competente e mi auguro che possa scrivere dei libri sulla realtà dell’Italia e del Mondo perché sarebbero utili per tanta gente.

Grazie Don Angelo, perché oggi sono una persona nuova. Non canto vittoria perché so che devo mantenermi e continuare ad essere missionario. Oggi sento di non rivelare il mio nome e di scriverle mantenendo l’anonimato. Lo faccio perché nell’anima sento che i passaggi che sto vivendo sono molto i nuovi e non voglio che siano disturbati dagli uomini, perché sono all’inizio e non voglio cadere nella tentazione del mio IO. Nello stesso tempo sentivo urgente il testimoniare per ringraziarla anche se non mi conosce.

Dal sito IlCaffe.TV