Approfondimenti : Lettera di Padre Angelo alle comunità dell'Africa, dell'India e del Sudamerica
Friday, 21 March 2014 09:20
“Carissime persone, famiglie, comunità, zone e missioni dei vari Continenti”
Lettera di Padre Angelo Benolli alle comunità dell'Africa, dell'India e del Sudamerica

 


Mi rivolgo ad ognuno di voi, perché insieme siamo sempre più coinvolti in un grande piano di vita e di Grazia Divina, per uscire da ogni riduzione e debolezza, ed arrivare così alla vera libertà nell’amore a sé, a Dio ed ai fratelli sofferenti nello spirito e nel corpo.
Per tutto questo siamo partiti sempre primariamente dai bambini, per arrivare poi sempre più alla famiglia, comunità, zona e missione intercontinentale.
Io vi ringrazio ad uno ad uno, per quello che siete e per come vi impegnate per la completezza di questa grande e comune missione di Italia Solidale – Mondo Solidale. Da sempre vi ho amati e spiritualmente aiutati con tutti i miei libri, oltre che con le adozioni a distanza per la vita dei vostri bambini.
Per questo avete prima ricevuto la generosità delle adozioni date dai generosi donatori italiani, che noi tanto per voi abbiamo ricercato. L’anno scorso avete anche voi adottato e salvato tanti bambini, attraverso le adozioni fatte dalle 10 comunità della vostra zona, verso un'altra zona di un altro Stato. Nello spirito, con gioia abbiamo però richiesto che, come vi siete aperti a così grande dono, la zona che da voi riceveva facesse lo stesso dono a voi e così si completassero tutte le comunità. Per essere maschi e femmine forti e saper così “ben amare” non si può solo ricevere, ma è anche necessario restituire e dare. Con le adozioni interzonali, noi vi abbiamo sostenuti a dare, ma anche a ricevere quello che avete dato. Il Signore, per tutto questo rafforza e allarga anima e vita a livello interstatale e vi benedice, perché prima di tutto ora siete voi stessi che state salvando i bambini, le famiglie, le comunità, le zone.
Ma sono almeno 15.000 i bambini che anche quest’anno potrebbero morire nelle nostre 125 missioni.
Per questo, con urgenza, Dio ci chiede la carità vera e missionaria che supera il ricevere ed anche il dare. E’ una carità semplice, ma efficace: ogni comunità ”farà fare” ogni anno a persone degne del posto una nuova adozione.



Più precisamente, ogni anno l’adozione sarà “fatta fare” da una sola famiglia, sostenuta ma non sostituita, dalle altre quattro famiglie della comunità. Così risulta chiaro che ogni famiglia solo ogni cinque anni, “farà fare” la nuova adozione, mentre la comunità ogni anno così “farà fare” un’adozione. “Far fare” un’adozione è molto più importante che riceverla, o farla. “Farla fare” da altre persone degne è molto salutare, forte e missionario.
Tutto questo lo faremo nel nome di Dio perché i bambini non muoiano, ma soprattutto anche perché ognuno di noi trovi sempre più sé stesso, Dio e gli altri, come vuole tutto il contenuto della pienezza del nostro Carisma.
Ora possiamo meglio aprirci tutti insieme alla sostanzialità universale della Grazia di Dio e nostra carità nelle nostre missioni, che è la salvezza vera di Italia Solidale – Mondo solidale. Già voi ogni anno restituite tutto quello che avete ricevuto a voi stessi. La vita non va assistita, ma sempre pienamente promossa, per essere sana e forte. Da noi avete ricevuto non solo l’adozione, ma anche tutta l’antropologia e nuova cultura personale, famigliare, comunitaria, contenuta nei miei libri e documenti.
I missionari di Italia Solidale, in tutto questo, hanno sempre avuto un’importanza basilare e sempre vi sostengono. Per la pienezza della salute, libertà ed amore della nostra ed altrui vita, ora il “far fare” un’adozione all’anno è la base perché i bambini mai muoiano, ma anche perché ognuno di noi abbia la pienezza di sé, di Dio e della vera carità per tutti quelli che soffrono, specie nell’inconscio.
Stiamo sempre uniti e degni missionari.
Nello Spirito Santo, aver iniziato a “far fare” un’adozione è di un’importanza storica e religiosa immensa, perché in noi e negli altri vi sia sempre più pace, salute e libertà. Proprio attraverso l’adozione da far fare, arriveremo poi al vero e completo carisma che è la risoluzione di ogni condizionamento inconscio. Come dice Gesù: “i miei discepoli parleranno lingue nuove, scacceranno i diavoli, non si faranno condizionare e guariranno tutte le malattie”.
La vita non s’inganna ed il Signore vuole rivelarsi al mondo attraverso la nostra luce, fede e carità.
Prego per ciascuno e per tutti voi, che il Signore vi benedica e vi ringrazio.
Roma, 10/3/2014

 

P. Angelo Benolli (Presidente e Fondatore di Italia Solidale - Mondo Solidale)