Approfondimenti : Un grido crescente spesso inascoltato
03-02-2012
Un grido crescente spesso inascoltato


Oggi c’è un grido crescente troppo spesso inascoltato, e’ come il dilagare di un virus silenzioso, ma molto più violento dell’influenza, che sta colpendo mezza Italia. Le famiglie sono sempre più deboli e sento la responsabilità di testimoniare fortemente, perché c’è un bisogno enorme di questa cultura di sviluppo di vita e missione. I ragazzi stanno sempre peggio, lo sappiamo e ci sono continui segni. Ho potuto cogliere in questi giorni due cose in contemporanea. Una riguarda dei ragazzi che conosco in profondità e che per l’ennesima volta mi hanno descritto cosa vivono. Tutti cercano nella relazione la forza nell’amore, ma sono talmente deboli che non riescono più a relazionarsi, per parlare solo sms o facebook. Se riescono ad avere...
 
 
 Preghiamo lo Spirito che è vita. La gente sta male perché non ha niente più di vero e questa falsità proviene, da generazioni.  Sono secoli che non ci sono persone mature, non c’è sessualità nell’amore, non c’è verità spirituale e non c’è vera fede. C’è  adattamento no forza, ci sono malattie dello spirito e del corpo, separazioni e cancri. Abbiamo la possibilità di testimoniare una nuova speranza, una Nuova Cultura, che entra nell’inconscio con la forza di Cristo per vedere e risolvere secoli di falsità.

Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci
 
relazione con una ragazza non è mai nella forza, solo per un bacio o sesso una sera e non c’è neanche più il vigore della conquista. Finiscono nel rubarsi le fidanzate, tutto è ridotto a “provarci” con una, ma poi niente forza. Di conseguenza tutte invidie, gelosie e dinamiche sadomasochiste non risolte, mai espresse sempre per mancanza di forza, perché non si hanno le basi, la luce su sé stessi, sulle sofferenze interne, su come affrontarle e risolverle. Sono incredibili anche altri segnali dalle famiglie. Partecipando ad una comunità di sviluppo di vita e missione che stanno nascendo in tutta Italia, una donatrice parlava di un’amica sposata da tanti anni che ha due figli grandi. Loro tutti sanno che il marito ha un amante da tempo, anche i figli e lei condivide con loro le avances di un altro uomo a lei stessa, quasi come chiedere un consiglio, chiedere ai figli se cedere o meno a queste avances. La gravità è che non c’èra traccia di una sana presa di posizione contro questa falsità di rapporto che sta logorando tutti! Non c’era per niente luce su questa situazione! Sento che i giovani, questi ragazzi, sono confusi e sempre più deboli perché vivono nelle famiglie con questi e tanti altri disordini, anche nella fede, dove spesso o si fa giudizio o si vive nell’accettazione di tutto. La chiamata è vedere con i mezzi giusti e risolvere questo tipo di dinamiche che stanno smontando le famiglie, le relazioni e la fede. C’è sempre più debolezza, non sappiamo più chi siamo e le sofferenze dilagano. Il 50% delle famiglie che non si sfasciano ufficialmente stanno così. E’ una chiamata per noi a testimoniare e tenere a cuore la vita dei bambini, nel sud del Mondo come nelle nostre famiglie. Con l’adozione a distanza e questa Nuova Cultura proposta da 52 anni di sacerdozio e missione di Padre Angelo Benolli, da sempre a servizio delle sofferenze più profonde, si stanno dando risposte anche a queste sofferenze dilaganti. Sempre più volontari donatori, mossi dall’amore per i bambini che non devono morire, conoscono la realtà di Italia Solidale e approfondiscono la propria vita, entrando in questo tipo di sofferenze, ricevendo una giusta luce e sostegno personale, familiare e comunitario.
Marco Casuccio