Approfondimenti : "NON TROVAVO LO SPIRITO PERCHE' TROVAVO FALSITA’ ENORMI"
Tuesday, 04 October 2011 00:00
"NON TROVAVO LO SPIRITO PERCHE'  TROVAVO FALSITA’ ENORMI"

Padre Angelo Benolli richiama alla grande responsabilità i Testimoni di Italia Solidale - Mondo Solidale. Nell’intervento iniziale ha ripercorso la sua vita, l’esperienza e gli studi, gli incontri per 50 anni con persone e persone sofferenti nello spirito, l’amore e il desiderio di aiutare il prossimo, ma anche le tante difficoltà sempre incontrate, espresse nei 5 suoi libri: “Non trovavo mai lo spirito perchè trovavo una falsità enorme sia in quelli che credevano che quelli che non credevano e queste sofferenze partivano sempre da bambini, dove non c’era stato amore che è rispetto e scambio di rispetto nel modo e nel tempo giusto. Allora avendo anche una base antropologica, con medici e professori ho studiato per 4 anni il bambino intrauterino e partendo dal concreto del bambino ho trovato lo spirito. La cosa primaria è il bambino nell’amore; noi non vogliamo che i bambini muoiano”.

Testimone principale per 300 missionari che arrivano da 7 Nazioni africane, dall’ Argentina, Brasile e Colombia, dall’India, Cina e da 16 regioni d’Italia, P. Angelo chiama ad approfondire e incarnare la realtà culturale sperimentata, che sta salvando milioni di persone in tutto il mondo e ad essere Testimoni Di questa Nuova Cultura anche qui tra noi. “Qui in Italia abbiamo il 50 % delle famiglie che si dividono, il 50% delle persone con il cancro, la depressione che cresce e tante altre sofferenze, pero’ ognuno di noi deve venir fuori da questo vecchio, da questi condizionamenti di non amore, deve trovare come la Madonna lo Spirito e incontrare Gesu’, solo così possiamo parlare lingue nuove, della Creazione e della Redenzione sotto l’azione dello Spirito Santo, scacciare i diavoli e guarire le malattie”. P. Angelo chiama tutti ad essere missionari nelle nostre famiglie, nelle varie realtà e continenti per contrastare insieme i tanti mali che impediscono di vedere, risolvere, amare, e permanere. Se non abbiamo luce sulla nostra storia, sui condizionamenti, se non ci impegniamo per risolvere, amare e permanere in questo amore, non possiamo amare noi stessi, Dio e il prossimo. “Vi ringrazio per quello che fate, che fate comunità e leggete i miei libri ogni settimana; senza questa luce che entra dentro la vita e nell’inconscio non possiamo essere veri, nella pace, nell’amore, liberi, nel sacramento e nella carità”

Questi i missionari di Italia Solidale – Mondo Solidale riuniti a Nago, per condividere le esperienze personali di rinascita, che con un grande impegno, con la propria vita, testimoniano che è possibile uscire da tante falsità tipiche del mondo di oggi in tutte le parti del Mondo.
 
Stefano Bovenzi