Approfondimenti : ITALIA SOLIDALE A COMINCIAMO BENE ESTATE (RAITRE), VENERDI' 17 SETTEMBRE, ORE 12:45
Thursday, 16 September 2010 00:00

Cominciamo Bene Estate, trasmissione in onda ogni mattina su Rai 3, ospiterà domani, 17 settembre 2010, Antonella Casini e Marco Casuccio, volontari di Italia Solidale. Nel loro intervento, previsto le ore 12,48, Antonella e Marco parleranno della proposta missionaria e culturale di Italia Solidale attraverso la loro esperienza di vita e in missione, in Italia e nel mondo, mostrando la base culturale del nuovo modo di fare missione e adozioni a distanza di Italia Solidale. Ad introdurli sarà un video che presenta, attraverso le immagini, l’esperienza del fondatore, P.Angelo Benolli e le concrete esperienze di sviluppo di vita e missione dei bambini e delle famiglie aiutate in Sud America, Africa e India, anche grazie alle adozioni a distanza di 20.000 donatori italiani.

L’intervento di Antonella e Marco, con alle spalle anni e anni di esperienza diretta nel combattere la fame del corpo e dello spirito nel mondo è particolarmente significativa in questi giorni in cui la FAO, nonostante rilevi un leggero miglioramento nella lotta alla fame, denuncia che l’obbiettivo è ancora molto lontano "… con un bambino che muore ogni sei secondi per problemi connessi con la sottoalimentazione, la fame rimane lo scandalo e la tragedia di più vaste proporzioni al mondo", ha detto Jacques Diouf, Direttore Generale della FAO. "Questo è assolutamente inaccettabile".

Italia Solidale – Mondo Solidale non fa teorie. Sono anni che, sia pur gradualmente e in mezzo a mille difficoltà, sta concretamente sconfiggendo la fame dello spirito e del corpo nel Sud del mondo ed in Italia, senza creare strutture od uffici, senza finanziamenti statali, ma attraverso il movimento di “persone per le persone”. Aiuta 2.000.000 di persone in tutto il mondo con 108 “Missioni Solidali” in Africa, Sud America ed India. Tutto questo in comunione con volontari (missionari e laici) di 20 tra Congregazioni e Diocesi e con 20.000 volontari donatori coinvolti in un nuovo modo di far missione e adozione a distanza. Alla base di questo impegno c’è la proposta di “Sviluppo di Vita e Missione”. Una nuova cultura di vita che permette ad ognuno di entrare nella propria storia, liberarsi dai propri condizionamenti e ritrovare la propria identità, la propria spiritualità per saper ben amare e ben lavorare in famiglie e comunità sussistenti e solidali. Questo è il frutto della vita e dei 50 anni di sacerdozio di p. Angelo Benolli.

Con questa base culturale, racchiusa anche nei libri e nei documenti di p. Angelo, l’adozione a distanza diventa un modo semplice ed efficace per “spezzare il cerchio” tra fame dello spirito e fame del corpo nel mondo, mettendo in relazione persone di diverse fedi e culture. Con “Italia Solidale – Mondo Solidale”, tutti sperimentano il “prestito solidale” che non è un prestito di soldi, ma di vita.

Le famiglie del Sud del mondo si riuniscono in piccoli gruppi dove, aiutati da questa cultura e da volontari locali formati da noi, vedono e risolvono insieme i loro condizionamenti interni ed esterni. Con questa base il denaro proveniente dalla solidarietà dei “volontari donatori” coinvolti (equivalente ad un caffè al giorno), gli viene dato in forma di piccoli prestiti economici attraverso cui realizzano piccoli imprendimenti. Le famiglie non restituiscono il denaro a nostre strutture bancarie, ma lo impiegano per aiutare altre famiglie vicine e lontane a fare il loro stesso percorso di sviluppo di vita e missione. Oggi ci sono “comunità solidali” dell’India che hanno “adottato a distanza” bambini di comunità dell’Africa e del sud America e viceversa. Ai volontari donatori il “prestito solidale” viene restituito attraverso le lettere che le famiglie del Sud del mondo scrivono e con cui li coinvolgono in questo processo di completa solidarietà. Così, anche in Italia, i volontari donatori stanno creando piccole comunità di “sviluppo di vita e missione” con cui si promuove la solidarietà e si superano tante sofferenze. In questo sentiamo di contribuire alla Chiesa Ecumenica, che è fatta di persone con Dio che amano come Cristo ha amato, a prescindere dalle differenze di confessione religiosa o di cultura.

Anche attraverso la RAI che ringraziamo profondamente, presentiamo la nostra esperienza perché oggi miliardi di persone soffrono, i bambini muoiono e la cultura di Sviluppo di vita e missione che noi sperimentiamo è un contributo decisivo per soddisfare la fame dello spirito e del corpo.

FAI ANCHE TU UN’ADOZIONE A DISTANZA!