Approfondimenti : Matrimeeting a Nago Torbole
vendredi 1 juin 2012 00:00

Matrimeeting a Nago Torbole

Daniela e Corrado, due grandi volontari di Italia Solidale, hanno scelto di consacrare davanti a Dio la loro profonda amicizia e intesa missionaria nel Sacramento del Matrimonio

Padre Angelo Benolli, I volontari di Italia Solidale - Mondo Solidale, le famiglie e i bambini adottati a distanza di Africa, India e Sudamerica e i donatori di tutte le regioni d’Italia, si uniscono con preghiere canti e balli per festeggiare questo bellissimo evento. Per festeggiare un impegno missionario, antropologico, scientifico e sacerdotale, che viene da 53 anni di amore per i sofferenti di P. Angelo Benolli; per festeggiare lo Sviluppo di Vita e Missione che sostiene 2 milioni di persone a ritrovare se stessi, Dio e gli altri in tutto il Mondo; per festeggiare la carità che risolve la moltitudine dei mali; per festeggiare un impegno che anche qui in Italia vuole contrastare le sofferenze dello spirito; per festeggiare la vita della vita e testimoniare che grazie alla Nuova Cultura è finalmente possibile uscire fuori da tutti gli inganni di oggi; per festeggiare la rinascita delle forze personali in Dio, l’incontro con l’Innamorato, e così, innamorati, arrivare all’amore.

Vi invitiamo a partecipare con la preghiera e con la testimonianza di vita,
salvando un bambino e dando valore alla vostra vita,
attivando con noi un’adozione a distanza.


Per approfondire ascoltate le lezioni sull’innamoramento e sull’amore

 

Approfondimenti : Solidarietà e preghiere da tutto il mondo per il terremoto in Emilia Romagna
mardi 29 mai 2012 00:00

Solidarietà e preghiere da tutto il mondo 

per il terremoto in Emilia Romagna

Cari amici volontari donatori colpiti dalle continue scosse di terremoto, noi tutti volontari di Italia Solidale - Mondo Solidale insieme a P. Angelo Benolli e a tutti i vostri bambini con le loro famiglie nel sud del mondo, vi esprimiamo la nostra profonda partecipazione di anima, spirito e preghiere a quello che state vivendo.

Vogliamo stare vicini a voi, così come a tutti gli italiani, venendo personalmente da voi e mettendo le basi per un’esperienza di piccole comunità di persone e famiglie che si aiutano veramente a vedere e risolvere i loro problemi. Possiamo fare questo qui in Italia, come già facciamo con 2 milioni di persone nel sud del mondo, grazie ad un’autentica cultura di vita che porta ad un’autentica solidarietà, nata dall’esperienza di sacerdozio di P.Angelo Benolli e racchiusa nei suoi libri.

Non sentitevi soli, avete molti amici in tutto il mondo che pregano per voi.

Approfondimenti : I GIOVANI INCONTRANO I GIOVANI
jeudi 17 mai 2012 00:00

I GIOVANI INCONTRANO I GIOVANI

Nel titolo di questo evento non c'è uno scioglilingua o un gioco di parole, ma c'è una voglia irrefrenabile di portare un messaggio ai giovani, attraverso il quale porto un regalo di vita vera a quelli tra i miei amici che ritengo possano essere disposti a salvare la vita dei bambini e di conseguenza salvare anche la loro! Venendo a contatto con l'associazione "Italia Solidale", che si occupa soprattutto di adozioni a distanza, mi sono accorto inizialmente che i bambini nel sud del mondo muoiono ogni giorno di fame e subito dopo mi sono accorto di quanto anche noi "occidentali" soffriamo nello spirito e, di conseguenza, anche nel corpo. Ho avuto la fortuna immensa di conoscere questa realtà e non posso egoisticamente tenerla per me.
Ho pensato, quindi, anche in seguito alla richiesta di alcuni amici, di organizzare un incontro tra giovani in cui si parlerà di VITA.

Vi invito dal profondo del cuore a venire mercoledì 23 Maggio alle ore 18:00 a Via S. Maria de Calderari, 29, nella sede di Italia Solidale.

Grazie a tutti!

Fabrizio Colica

Approfondimenti : Marcyo, volontario di Amazzonia Solidale – Italia Solidale, ritorna in Brasile dopo due mesi di missione in Italia
vendredi 4 mai 2012 00:00
Marcyo, volontario di Amazzonia Solidale – Italia Solidale,
ritorna in Brasile dopo due mesi di missione in Italia

Un piccolo ringraziamento, perché oggi è l’ultimo giorno di messa con voi. Ringrazio Dio per questa opportunità che mi ha dato e per la vocazione che ha messo in ognuno di voi volontari di Italia Solidale. Lo ringrazio per l’immensa potenzialità di forze di vita che abbiamo gratuitamente ricevuto per creazione e che siamo chiamati a restituire gratuitamente per fare la vera carità. Restituire significa fare comunione, dare il nostro corpo e il nostro sangue a disposizione degli altri, come Cristo ha fatto. Ringrazio per i tanti volontari donatori che ho incontrato in tutte le regioni d’Italia e per tutto quello che ho ricevuto da loro. Ho visto come con l’adozione a distanza vogliono amare i bambini, ma ancor di più vogliono amare la propria vita; questo ha alimentato il mio spirito. Ma durante questa missione, ci sono stati anche giorni in cui ho avute molte difficoltà, proprio per tutte le sofferenze che incontravo negli altri, ma lo spirito mi chiamava a risolvere rapidamente i contrasti che vivevo, grazie anche alla testimonianza che davo. Ora mi sento ancor più chiamato ogni giorno ad esprimere le forze che ho dentro. Ringrazio P. Angelo Benolli che ci richiama continuamente a questo spirito.

La sua esperienza missionaria, antropologica, scientifica e sacerdotale, i suoi libri e tutto lo Sviluppo di Vita e Missione promosso da Italia Solidale, sono oggi una necessaria risposta alle sofferenze di tutto il mondo. Ora devo trasmettere tutto questo alle famiglie che incontrerò in Amazzonia, per restituire quanto ricevuto e per aiutarli a ritrovare la vita che hanno dentro; aiutarli ad eliminare tutto il vecchio che logora e che non consente alle energie personali di esprimersi nella loro pienezza; aiutarli a staccarsi dalla falsa spiritualità, dalla falsa sessualità e da tanti condizionamenti atavici, per essere veramente liberi, forti, avere una vita sana e sane relazioni. All’inizio non capivo molte cose, cioè capivo con la testa, ma adesso ho fatto una scelta di vita personale, che non dipende da Italia Solidale, da P. Angelo Benolli e neanche da Dio. Dipende da quanto io approfondisco questa realtà e la incarno nella mia vita e la offro come testimonianza per le altre persone. Questo impegno è molto faticoso e ogni giorno mi fa affrontare le mie negatività interne ed esterne e mi chiama a superarle. Ecco perché comincio a capire che nella vita abbiamo due possibilità: o tu pensi che stai bene e muori, o cominci a vedere le negatività, soffrire per uscirne e inizi a veramente vivere.
Generale : Letture della settimana
mardi 24 avril 2012 00:00
Commento di Padre Angelo Benolli alle Letture del giorno






Ascolta l'Audio: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete».

(24/04/2012 - Durata ca 15 min - Peso ca 10Mb).

Vai all'archivio

 

 

"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 52 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".
Approfondimenti : Micheal Emuria, volontario laico di Kalokol Solidale (Turkana)
mardi 24 avril 2012 00:00

Micheal Emuria, volontario laico di Kalokol Solidale (Turkana), ritorna in Kenya, dopo un’intensa esperienza missionaria in Italia

Prima di tutto voglio ringraziare Dio per aver ricevuto la grazia di poter venire in missione qui in Italia e di aver potuto partecipare allo spirito che ha messo qui, nella realtà di Italia Solidale. Ringrazio Padre Angelo Benolli dal profondo del cuore e ringrazio tutti i volontari di Italia Solidale e i volontari donatori, per l'amore e la carità che ho ricevuto. Sento che tornare in Africa è per me, più di prima, un nuovo inizio. Sono contento di aver la possibilità, grazie a questa cultura, di entrare in tutti gli inganni del mio passato che provengono dai genitori, dalla loro storia e dalla cultura della mia terra. Sento che è necessaria tutta la croce per uscirne, superare tutto e ritornare forte. Come dice P. Angelo Benolli è necessario aver luce per entrare nel nostro inconscio e risolvere tutti i nostri condizionamenti, soprattutto sessuali, per avere fede e non aver paura, perché con Dio e in Cristo, siamo più forti di tutte le negatività. Sono rimasto colpito ieri quando nella riunione, Padre Angelo richiamava all'indipendenza, a rimanere saldi in Dio e nelle proprie energie, andando oltre quello gli altri pensano o dicono.

 
"Michael è un africano di 31 anni, della tribù dei Turkana (quella le cui donne allungano il collo con molte collane di perline colorate), sposato e padre di 2 bambini (l’ultimo è nato pochi giorni fa, mentre lui era in Italia). Vive a Kalokol, in una zona del Kenya semi-desertica popolata dal popolo dei Turkana, prevalentemente nomade e dedito alla pastorizia.
La terribile aridità della zona, peggiorata dal fatto che da anni non vi piove, è una delle cause che portano moltissimi Turkana alla morte, specialmente i bambini. Inoltre, i Turkana sono spesso impegnati in lotte tribali e le razzie che ne conseguono purtroppo uccidono tanti adulti, lasciando dietro di sé molti orfani. La popolazione dei Turkana è completamente analfabeta, immersa in una cultura di superstizioni e abituata a dipendere passivamente dagli aiuti esterni per la propria sopravvivenza. Altre gravi sofferenze derivano dalla diffusione dell’AIDS: anche i genitori di Michael sono morti per questa infezione e lui stesso afferma che, se non avesse incontrato la Cultura di Vita proposta da Italia Solidale, sarebbe morto per le proprie debolezze sessuali."

 
Mi ritengo molto fortunato di poter entrare nel mio inconscio grazie alla nuova cultura, perché per molti è davvero difficile cogliere tutto questo. Di solito si segue il pensiero degli altri per andare d’accordo e tutto il lavoro per scardinare il vecchio non viene compreso, le persone ti vedono come uno straordinario, perché non segui quello che gli altri dicono. Prego di non perdermi nelle falsità che incontrerò e di rimanere in questo stesso spirito per mantenerlo e testimoniarlo dove sto tornando. Prego per tutti che rimaniamo così, perché è l'unico modo per rimanere vivi, in mezzo alla tanta morte che c’è dentro e fuori di noi. Il lavoro che finalmente possiamo fare, grazie a Padre Angelo, alla sua esperienza sacerdotale, antropologica, scientifica e missionaria, è un vero e grande lavoro per la salute del nostro spirito e per la salute delle nostre relazioni. Prego che rimaniamo uniti nello stesso spirito anche quando sarò nella missione. Il mio impegno sarà più forte di prima per portare tutto quello che ho ricevuto da Padre Angelo Benolli e dall’esperienza fatta incontrando centinaia di volontari donatori in varie regioni d’ Italia. Non lo facevo prima, ma ora vedo proprio la necessità di essere prima persona con Dio, per ben amare la mia famiglia e i fratelli vicini e lontani.
 
Approfondimenti : "Sviluppo di Vita e Missione" per uscire da ogni inganno
mardi 24 avril 2012 00:00

                             "Sviluppo di Vita e Missione" per uscire da ogni inganno

                                           Invito al Meeting dei volontari donatori

                                              di "Italia Solidale - Mondo Solidale"

 

5 - 6 Maggio 2012

Mondo Migliore, Rocca di Papa (RM)



Grazie a tutti voi perché avete scelto la Vita salvando un bambino dalla morte. Questo gesto non è facile nella situazione di noi italiani oggi. Siamo un popolo meraviglioso, ma un materialismo secolare ci colpisce nell’anima, nella spiritualità e quindi abbiamo sempre più difficoltà ad amare e lavorare bene. Tutto sembra fallire e non ci sono risposte per risolvere questa situazione. 

Da questo si esce solo con l’Amore,  ma senza la base di una sana cultura di Vita, l’amore non c’è.  Questo è ciò che manca oggi più che mai. Lo vediamo anche nella realtà degli aiuti internazionali  «Dalla fine della Seconda guerra mondiale i paesi in via di sviluppo hanno ricevuto oltre 2 mila miliardi di dollari in aiuti, metà dei quali finiti in Africa. Non solo non sono serviti, ma sono diventati essi stessi la principale causa della tragedia africana... » (Dambisa Moyo, autrice del libro “La carità che uccide”) .  

P. Angelo Benolli O.M.V., presidente e fondatore di “Italia Solidale - Mondo Solidale” ha cercato questa cultura in tutti suoi 80 anni di vita e 53 di impegno come sacerdote, scienziato, antropologo e missionario, incontrando quotidianamente persone di varie culture e religioni, per almeno 8 ore. Così, per Grazia di Dio, è arrivato ad esprimere la proposta  di “Sviluppo di Vita e Missione”, racchiusa nei suoi libri e documenti: un’antropologia completa, con grandi novità scientifiche. Potete apprezzarla nella meravigliosa sintesi scritta da lui stesso dal titolo: “Sviluppo di Vita e Missione”. 

Con questa nuova cultura, sostenuta e apprezzata dal Pontificio Consiglio della Cultura e da numerosi Vescovi in tutto il mondo, aiutiamo 2.000.000 di persone  nelle 114 missioni solidali di Africa, India e Sud America, in comunione con tutti voi e con volontari (missionari e laici) di 20 tra Congregazioni e Diocesi. In questa esperienza, rinasciamo anche noi italiani. Vogliamo condividere sempre più con voi questa meraviglia perché i bambini non muoiano più e perché usciamo da ogni inganno nell’Amore a Dio, a noi stessi e agli altri. 

Per questo  v’invitiamo al prossimo meeting dei volontari donatori di Roma e centro Italia che si terrà a “Mondo Migliore” – Via dei laghi, 10 - Rocca di Papa (RM) -  dalle ore 10 di sabato 5 maggio, alle ore 16 di domenica 6 maggio 2012. Oltre a p. Angelo, saranno presenti anche testimoni dal Sud del mondo. 

Approfondimenti : Intervento sulla Conversione nella trasmissione radio Tornando a Casa - RadioUno Rai
jeudi 19 avril 2012 00:00
Intervento sulla Conversione nella trasmissione radio
Tornando a Casa - RadioUno Rai

 

 Giacomo Fagiolini - Volontario di Italia Solidale
 Sarà presente in trasmissione oggi:
 Giovedì 19/04/2012 dalle 18:15 alle ore 18:30.

 

 
                                                                                                                                                                                                           Giacomo  Fagiolini, scrittore e autore di "Sei Tu" afferma:

 Senza nessuna pretesa di insegnare qualcosa a qualcuno, il libro manifesta, attraverso i fatti della vita di Giacomo Fagiolini, come P.    Benolli e la sua proposta culturale cambiano davvero le cose se uno ci si mette.