Generale : Quale cultura c’è per gioire in modo autentico? - di Antonella Casini e Padre Angelo Benolli
Friday, 09 July 2021 13:30

Quale cultura c’è per gioire in modo autentico?

Oggi le persone sono molto colpite nello spirito, nell’anima, nel sesso, nei nervi, nel corpo e nella mente. Tutto questo è il frutto di una cultura che, da secoli, fa fuori Dio, la persona, le relazioni.

I segni di questa sofferenza sono moltissimi, c’erano prima della pandemia e ci sono ancora, più forti che mai.  La depressione è la prima causa d’invalidità permanente. Il cancro colpisce ormai quasi una persona su due. Le relazioni interpersonali, sono sempre più difficili e segnate dalla violenza, tanto che la famiglia, come unione stabile di un uomo con una donna, sta scomparendo e ha ormai lasciato il posto ad altre forme di convivenza. Queste trasformazioni, però, non hanno risolto i problemi delle persone e delle relazioni.

Il Censis dice che siamo divenuti come “poltiglia”: “fluidi”, rancorosi e pieni di paure.

Perché siamo arrivati a questo punto? Come risolvere? Nessuno lo sa.

Intanto la confusione e la sofferenza aumentano, prima di tutto tra i giovani e i bambini, che in Italia ormai nascono sempre meno. In questa situazione offriamo un contributo provvidenziale: la nuova e completa antropologia sviluppata, per grazia di Dio, da Padre Angelo Benolli, sacerdote, missionario, scienziato e antropologo, in 54 anni d’incontri quotidiani, per molte ore, con persone di ogni cultura e religione.

Oggi, grazie a questa nuova antropologia, contenuta nei 10 libri, documenti e video di Padre Angelo, possiamo vedere e risolvere gli inganni secolari e ritrovare Dio, la nostra persona, la nostra sessualità per ben amare e ben lavorare, fino ad essere sussistenti e solidali.

Su questa base Padre Angelo ha fondato “Italia Solidale – Mondo Solidale del Volontariato per lo Sviluppo di Vita e Missione” che oggi sostiene la vita di più di 2 milioni  di persone in Italia e in 140 missioni dell’Africa, dell’India e del Sud America.

Antonella Casini

Generale : Una cultura per vivere fuori da ogni morte di Antonella Casini e Padre Angelo Benolli
Tuesday, 01 June 2021 13:30

Una cultura per vivere fuori da ogni morte 

La vivono già 2 milioni di persone nel mondo. Per superare il “sistema” che mette al primo posto la mente, il potere e i soldi

 

Scarica il PDF

Ogni persona è meravigliosa. Da secoli però, ogni persona è colpita da una cultura di morte che fa fuori Dio, le energie personali, le relazioni e mette al primo posto la “mente”, il “potere”, “l’economia”. Questi errori hanno sempre colpito ogni persona nello spirito, nell’identità, nella sessualità, nei nervi, nel corpo e nella mente, provocando violenza, confusione e morte. Nessuno ha mai visto ne risolto questi inganni secolari. Così, il malessere è aumentato di generazione, in generazione ed oggi l’umanità è come “cieca e paralizzata”. L’1% della popolazione mondiale detiene il 90% delle ricchezze, mentre più di un miliardo di persone muoiono di fame. Le famiglie si disintegrano, in Italia i bambini non nascono quasi più. Il mondo è pieno di guerre, di malattie dello spirito e del corpo. Nessuno vuole questo, ma nessuno sa cosa fare. Padre Angelo Benolli, sacerdote, missionario, scienziato e antropologo, ha visto tutte queste contraddizioni che da secoli dilaniano le persone e le ha risolte con la nuova e completa antropologia che ha sviluppato nei suoi 90 anni di vita, 62  di sacerdozio e 54 anni d’incontri quotidiani, per molte ore, con persone di ogni cultura e religione. Con questa nuova e completa antropologia, racchiusa nei suoi 10 libri, documenti e video, Padre Angelo va oltre la cultura secolare che divide l’uomo da Dio, la scienza dalla fede e la fede dalla vita, il sesso dall’amore dall’anima e dalla missione e compie grandissime scoperte, come il cambiamento dell’inconscio di Freud con l’Io potenziale. Con questa base ha fondato “Italia Solidale-Mondo Solidale” che oggi, grazie alle comunità ed ai gemellaggi mondiali da lui sviluppati,  sostiene la vita di più di 2 milioni di persone in Italia e in 140 missioni dell’Africa, dell’India e del Sud America.

Antonella Casini

Generale : Amore è recepire il bisogno d’amore - di Padre Angelo Benolli
Tuesday, 01 June 2021 05:41

Amore è recepire il bisogno d’amore

Attraverso l’inconscio si manifesta nell’uomo la supremazia di Dio

e dell’amore su ogni altra energia umana

Scarica PDF

Ciò che più mi sta a cuore è testimoniare e far comprendere il valore trascendente della vita; questo non perché sono credente, ma perché non è umanamente possibile vivere ed, allo stesso tempo, ingannare la vita.

La vita ha in sé un ordine di energie. La persona, unicamente, le scopre, le serve, le testimonia. Se ed in proporzione che questo non avviene, le energie personali soffrono e si genera la nevrosi che è, appunto, la falsità del vivere.

Proprio da questo fenomeno si può arguire che la vita non si inganna: la vita, cioè, trascende il nostro io, il nostro pensiero, la nostra volontà.

L'io e la volontà sono sani solo se conformi alle energie della vita (che, di base, sono la libido e l'aggressività). Tali energie trascendono il sistema cosciente: quest'ultimo, pertanto, ha la funzione di capire e di servire le forze inconsce, ma fondamentali, del neurovegetativo che è il portatore principale della libido e dell'aggressività.

Le forze fondamentali, poste nell'inconscio, ed esistenti prima del conscio, sono la fortuna della sopravvivenza dell'uomo. L'uomo non è padrone di sé. O serve sé stesso o distrugge sé stesso. Ma se anche dovesse distruggere sé stesso, non potrà mai distruggere completamente l'inconscio.

Attraverso l'inconscio si manifesta nell'uomo la supremazia di Dio. Attraverso l'inconscio si manifesta nell'uomo la supremazia della vita sulla mente e sulla volontà. Attraverso l'inconscio si manifesta nell'uomo la supremazia dell'amore su ogni altra energia umana.

Proprio osservando il bambino intrauterino o appena nato, si scopre l'importanza dell'energia vitale dell'amore. Il bambino non percepisce sé stesso, non sa nemmeno di avere il ditino. Il suo sistema cosciente non è ancora sviluppato.

Eppure s'accorge subito se è o non è amato. Percepisce solo l'amore e soffre solo se non è percepito il suo bisogno d'amore. Il bambino mangia bene, cresce bene, dorme bene, sorride solo se avverte amore. Solo nell'amore e per l'amore il bambino si relaziona.

Generale : Maschi e femmine: l’identità è forse teoria? di Antonella Casini e Padre Angelo Benolli
Sunday, 09 May 2021 13:30

Maschi e femmine: l’identità è forse teoria?

La legge Zan contro le discriminazioni sessuali ci mette davanti alla realtà più profonda della persona

 

Scarica il PDF

Oggi moltissimi chiedono l’approvazione della legge Zan contro la trans-omofobia. Questo provvedimento fa molto più che condannare la trans-omofobia: ridefinisce il concetto stesso di sessualità.

All’articolo 1, ad esempio, afferma: “per identità di genere s’intende l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione”. Con l’approvazione, questi principi saranno vincolanti per tutti e chi dirà qualcosa di diverso, come il fatto che il sesso è secondo la creazione di Dio, sarà considerato trans-omofobo e punibile.

Non possiamo restare indifferenti. Non si tratta di questioni “teoriche”. Il modo in cui la sessualità viene trattata incide profondamente nella vita di ogni persona e di ogni bambino. Nessuno però sa cosa fare, neanche quelli che non sono d’accordo con questa legge. Da secoli non si sa quasi nulla della sessualità. I nostri avi non concepivano neanche il divorzio, ma avevano grandi difficoltà di relazione.

Ora non ci sono “regole”, ma la crisi dell’identità e delle relazioni è talmente forte che, in Italia, sono più le persone che muoiono che i bambini che nascono.

Oggi possiamo uscire da tanta ignoranza secolare grazie alla nuova e completa antropologia sviluppata da Padre Angelo Benolli, sacerdote, missionario, scienziato e antropologo, in 54 anni d’incontri quotidiani, per molte ore, con persone di ogni cultura e religione. Egli ha toccato con mano l’enorme sofferenza delle persone nella fede, nell’anima, nel sesso, nel corpo e nella mente. Ha constatato l’impotenza della scienza senza Dio e senz’anima e della fede che non entra nella vita.

Davanti a ciò non si è rassegnato, ma, con l’aiuto di Dio, ha sviluppato una nuova e completa antropologia che porta la scienza alla fede e la fede alla vita, cambia l’inconscio di Freud e compie grandissime scoperte. Oggi, grazie a questa nuova cultura di vita contenuta negli 10 libri, documenti e video di Padre Angelo, tutti hanno la possibilità di uscire dagli inganni secolari e ritrovare Dio, la propria persona, la propria sessualità per ben amare e ben lavorare, fino ad essere sussistenti e solidali.

Su questa base Padre Angelo ha fondato “Italia Solidale – Mondo Solidale del Volontariato per lo Sviluppo di Vita e Missione” che oggi sostiene la vita di più di 2 milioni di persone in Italia ed in 140 missioni dell’Africa, dell’India e del Sud America.

Antonella Casini

Generale : Lettera di gioia per la guarigione di Padre Angelo Benolli da Angelous Kermu - Uganda
Monday, 26 April 2021 12:21

Lettera di gioia per la guarigione di Padre Angelo Benolli da Angelous Kermu - Uganda - Africa

Ci stai sostenendo nel Carisma per trovare il vero cammino di relazione con Dio e con noi stessi e trovare la gioia e la pace perdute a causa dei condizionamenti

VIDEO DELLE FAMIGLIE CHE CANTANO E BALLANO

Caro Padre Angelo, unitamente alle famiglie di Nebbi ed Alala Solidale, abbiamo provato una grande grande gioia nel vederti in salute dopo 2 mesi passati nel letto ed averti rivisto tornare alla vita celebrando la messa dal vivo con noi!

Abbiamo unito tutte le nostre preghiere glorificando e ringraziando la presenza di Dio con te attraverso questi momenti critici cantando al Signore preghiere per la tua guarigione, tutte queste sono grazie direttamente per te dalle mani di Dio.

Io non so quante preghiere ogni persona, famiglia, comunità, zona e missione abbia dedicato a Dio per te dal momento in cui sei caduto fino ad ora, ma sicuramente è il periodo in cui ho visto il più grande amore dimostrato per te attraverso le preghiere come ricompensa per quanto Dio ha fatto per noi per tua intercessione!!

Grazie Signore, grazie Padre, Figlio e Spirito Santo, grazie, grazie, grazie infinite volte per questo dono speciale della liberazione delle nostre anime e la salvezza delle nostre famiglie, per averci liberato dalla schiavitù dai vari condizionamenti registrati in noi. Tutti questi 12 giorni del viaggio missionario a Nebbi Solidale dopo che sono stato 3 settimane e mezzo ad incontrare Alala Solidale sono stata una grande grazia per me e le famiglie incontrate.

Ho visto quanto il Signore ti sta usando oggi per le guarigioni interne ed esterne della nostra umanità!  Attraverso il Carisma realizziamo che siamo tutti malati, falsi, persi e morti; moltissime testimonianze di resurrezione, liberazione, guarigione e molte, molte altre ancora di purificazione e santificazione sono avvenute per mezzo dei tuoi libri, video, documenti ed approfondimenti che riceviamo quotidianamente. Ci stai aiutando a costruire la nostra fede, la vita nello Spirito e ci stai fortemente sostenendo nel Carisma per trovare il nostro vero cammino di relazione con Dio, con noi stessi e trovare la gioia e la pace perdute a causa dei condizionamenti; stiamo ritrovando il nostro ordine della vita creato in noi e ritrovando la libertà della creazione perduta; stiamo incontrando la dignità, il valore e l’indipendenza come maschi e femmine, trovando soluzioni ai nostri problemi attraverso gli incontri settimanali nelle comunità,  stiamo creando un nuovo mondo attraverso le persone degne, costruendo una relazione d’amore internazionale per mezzo dei gemellaggi.

Generale : La vita non s’inganna: si gode o si paga - di Padre Angelo Benolli
Friday, 23 April 2021 11:00

La vita non s’inganna: si gode o si paga

Per trovare la nostra libertà, il nostro amore, la nostra Fede, la nostra vita, abbiamo bisogno di liberarci da tutti i condizionamenti generazionali e culturali

 

Scarica il PDF

È tempo di credere al valore della propria persona. È tempo di testimoniare la propria libertà da inganni, abusi e violenze umane.

È tempo di manifestarsi prima Figli di Dio che figli degli uomini; prima figli della vita, che figli della morte; prima figli della ricerca e della testimonianza della vita vera, che dell’errore o della sudditanza a progetti di vita ridotti e quindi menzogneri.

È tempo di riscoprire e testimoniare la propria dignità.

È tempo di non avvelenarsi più, ma di guardare in faccia ogni male della vita, capirlo, lottarlo, distruggerlo, come ha fatto Cristo.

Non l’uomo: solo Cristo è la vita. La vita viene da Lui, e solo in Lui si riscatta. Solo in Lui troviamo la nostra persona, la nostra libertà dalla violenza e falsità umana. Solo in Gesù troviamo l’autentica verità, la vera vita religiosa, scientifica, personale e sociale.

Abbiamo bisogno di liberarci da ogni religione che si pone prima di Cristo e da ogni scienza che, piena di superbia, non si raccorda con Cristo.

Per trovare noi stessi, per trovare la nostra libertà, il nostro amore, la nostra Fede, la nostra vita personale e sociale, abbiamo bisogno di liberarci da tutti i condizionamenti generazionali e culturali pieni di inganni, di riduzione delle forze personali e delle forze relazionali.

La libertà non ha prezzo. E il prezzo della nostra libertà è il sangue di Cristo: “Sangue dell’alleanza per la remissione dei peccati”, ossia per la remissione del disordine delle forze della vita.

Ma chi di noi s’impegna per questa verità di vita, per questa libertà, quanto è necessario? Chi s’impegna fino al sangue per riscattare in tutto la vita intera, propria ed altrui? E se questo impegno personale e sociale manca, ci può essere vera scienza, vera religione?

Generale : Nella vita c’è soltanto una religione vera e una scienza vera che promanano dalla vita stessa - di Padre Angelo Benolli
Saturday, 10 April 2021 17:40

Nella vita c’è soltanto una religione vera e una scienza vera che promanano dalla vita stessa

C’è un ordine di energie che hanno valenza scientifica, ma pure carattere sacro e trascendente

Scarica il PDF

Erano anni che, incontrando persone, famiglie, sacerdoti e psicanalisti in ricerca di autenticità, mi si ponevano continuamente sotto lo sguardo le contraddizioni tra Fede e vita, tra Psicanalisi e vita. Personalmente non credo che vi sia nessuna contraddizione tra queste realtà, ma certo non è giusta una Fede che non rispetta la vita; né è giusta una Psicanalisi che non rispetti l'Autore della vita e la vita come Dio l'ha creata.
 
Dopo molte esperienze di questo genere, volendo aiutare i sacerdoti e gli psicanalisti a trovare un'autentica libertà e a prestare un reale servizio dell'uomo, assieme ad altre persone impegnate, ho fondato il "Volontariato per lo Sviluppo di Vita e Missione". Tale Movimento non vuole far parte di nessuna organizzazione psicologica o psicanalitica, vuole solo favorire, nello Spirito di Dio, un processo di sviluppo ordinato dell'uomo. Da secoli e secoli, da generazioni e generazioni, assistiamo o ad un integralismo religioso o ad un integralismo laico. Oggi prevale l'integralismo laico; basta assistere alle trasmissioni televisive o leggere le riviste e i giornali. Io non credo che la vita di ogni persona sia sotto l'integralismo laico, né sotto quello religioso. 
 
La vita è un insieme di energie di qualità diverse, che si sviluppano secondo il tempo e secondo la natura personale; essa necessita di relazioni qualificate secondo il modo e il tempo naturale del suo sviluppo. Quando questo non avviene, si crea il disordine delle energie dello spirito, poi della psiche e poi del corpo. Senza uno spirito sano, non vi sarà mai una mente sana. E senza una mente sana, eccetto che nei paranoici, non vi sarà mai un corpo sano. I disordini, i meccanismi di difesa, le fissazioni e quindi gli integralismi hanno sempre alla radice, in proporzione alla loro intensità, disordini dello spirito, della psiche e quindi del corpo. 
Il prevalere della religione senza la scienza, o il prevalere della scienza senza la religione è talmente contrario alla vita della persona che sembra impossibile pensare che questo errore perduri da tanti secoli e da tante generazioni. Nella vita non prevalgono né la religione, né la scienza.
 
La vita ha un ordine di energie vere in movimento e in relazione, che di per sé hanno una valenza scientifica e un carattere trascendentale e sacro. 
Non si può pensare di curare lo spirito o la psiche con le pillole biochimiche; né si può pensare di curare una malattia corporale solamente con lo spirito. Nello stesso tempo, però, non è tanto il corpo che fa male allo spirito, ma lo spirito che, se è malato, fa soffrire il corpo creando una malattia prima nella psiche e poi nel fisico.
 
Dal sito Ioacquaesapone : Senza l'amore non vi è nessuna Fede di Padre Angelo Benolli
Wednesday, 17 February 2021 10:49

Senza l'amore non vi è nessuna Fede

Coloro poi che si manifestano fedeli sono veramente tali?

La Fede di Abramo, che sceglie l'alleanza con Dio prima dell'alleanza con l'unico figlio Isacco, subito ci illumina sull'importanza della Fede nella vita. 

La Fede è l'esperienza di Dio. La Fede è la forza di Dio che illumina e salva l'uomo. Cristo, quando guarisce, dice sempre «la tua Fede ti ha salvato». La Fede, mentre è essenzialmente un dono, una forza di Dio, non può investire l'uomo se questo non la cerca e non la merita. E poiché, come ogni essere, anche l'uomo è creatura di Dio, quando l'uomo è senza Fede si pone fuori, si stacca, si divide da Dio.

La Grazia più grande per l'uomo è essere nell'Essere di Dio. La disgrazia più grande dell'uomo è essere senza la Forza di Dio. La Fede è l'esperienza della Forza di Dio. È l'alleanza con Dio. La Fede è la scelta della vita secondo il suo essere naturale. È la libertà da ogni inganno, riduzione. La Fede è la comunione d'amore tra Dio e l'uomo. È la scelta dell'uomo saggio e forte che, libero da tutti i condizionamenti mondani, da tutte le culture, percepisce il valore della propria persona, immagine e Figlia di Dio; percepisce il valore di ogni altra persona e creatura secondo l'ordine naturale che Dio ha posto in essa. La Fede è la scelta dell'uomo che è obbediente (cioè in servizio alla verità della vita) e che quindi lotta ogni male come Cristo, fino alla Croce.
La Fede è la forza, la libertà, l'amore della vita, nella comunione con la Grazia paterna di Dio Padre, di Dio Redentore, di Dio Santificatore. Avere Fede è essere battezzati, cioè ripieni del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. La vita è dono di Dio: della Grazia e dell'Amore di Dio. La vita si sviluppa secondo la natura che trascende la mente e la cultura del mondo, ed è creata da Dio. La vita s'incontra solo nella comunione d'amore con Dio.
Generale : Lettera di ringraziamento di Maria Loreta Grasso a Padre Angelo Benolli
Wednesday, 03 February 2021 13:12

Testimonianza di Maria Loreta di Avellino

È il Signore che guarisce se noi partecipiamo alla Sua Volontà e sta liberando me e le persone che incontro

Caro Padre Angelo, sono Maria Loreta Grasso di Mirabella Eclano in provincia di Avellino. È da un po' di tempo che desideravo scrivervi per ringraziarvi per la vostra disponibilità a Dio, per aver colto la Sua Volontà, attraverso il dono del Carisma, per la salvezza del mondo. Ringrazio profondamente Dio Padre perché, nella Sua infinita Bontà, ha chiamato anche me a partecipare al Suo disegno di creazione e redenzione. Io, fino a qualche anno fa non avrei mai pensato di poter partecipare a tale dignità di chiamata perché non percepivo affatto la mia persona creata dal Padre a Sua immagine con tutte le forze dell'IO POTENZIALE. Sono cresciuta in una famiglia dove l'obbedienza era la regola di vita, mi è stata trasmessa una fede fatta di precetti e doveri, che io ho sempre seguito e poi trasmesso ai miei figli, creando molta sofferenza in loro. Fin da bambina ho sempre cercato Dio nella preghiera e nei sacramenti. Pregavo soprattutto la Madonna, che ammiravo per la purezza, l'umiltà e l'amore e sentivo la volontà di Dio nell'amore verso i poveri e i sofferenti. Ho cercato di esprimere la mia fede collaborando in Parrocchia, facendo volontariato nelle associazioni e rendendomi disponibile verso tutti. Ero considerata brava e buona da tutti, ma io non ero felice, perché mi sentivo usata e stavo perdendo le forze e il mio entusiasmo di vita. Nel 2012 insieme ad una amica, Concettina, abbiamo fatto un'adozione per salvare un bambino, senza conoscere niente della realtà di Italia Solidale, fidandoci di un’amica donatrice. Dopo un po' di tempo siamo state contattate da un vostro missionario, Stefano Bovenzi, che ci ha chiesto un incontro. Io ho subito accettato ed ho comprato due libri: "USCIRE DA OGNI INGANNO “e "DIECI PUNTI". Ho iniziato a leggerli perché vedevo la gioia e la libertà di Stefano, ma non capivo molto; l'unica cosa che mi affascinava era l'audacia e la forza della vostra vita, Padre Angelo. C'era qualcosa di meraviglioso in ciò che stavate facendo ed era quello che io cercavo: l’”AMORE VERO" e "LIBERO". Intanto Stefano continuava a partecipare alla mia vita insieme ai missionari dell'India, della Colombia, che venivano a trovarmi e con la loro testimonianza risvegliavano tutte le energie del nostro "IO POTENZIALE" ed io desideravo approfondire sempre di più.