Generale : Così Padre Stephen Ndegwa oggi
Martedì, 10 Maggio 2022 18:14

"Io sono la porta delle pecore"

(Gv 10,1-10)
 
 Così Padre Stephen Ndegwa oggi

 

 

09/05/2022

Ascolta la spiegazione delle Letture del giorno

Vangelo del giorno (link esterno)

Vai all'archivio dei giorni precedenti

 

 

 

 

 

 

 

 

"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 62 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".
Generale : La vita vera è di per sé esistenziale, concreta, sempre bisognosa di scambi d’amore - di Padre Angelo Benolli
Sabato, 19 Febbraio 2022 05:45

La vita vera è di per sé esistenziale, concreta, sempre bisognosa di scambi d’amore

Morale e religioso è solo chi collabora totalmente con la paternità di Dio, in tutto lo spirito di verità di Cristo; è solo chi è sempre disposto a ricercare e ad assumere tutta la verità e la grazia che questa alleanza d’amore ci richiede per essere liberi e liberanti come la Madonna.
Tutto questo, nella coscienza che, finché non ci impegniamo ad arrivare a tutto questo spirito e a tutta questa verità, lo Spirito Santo non può renderci liberi. Finché c’è il maligno non può esserci lo Spirito Santo.

Cristo ci chiede di parlare lingue nuove e con Lui far fuori i diavoli. Ed è giusto che sia così perché, nonostante le falsità demoniache, Dio trionfa sempre e la natura della figliolanza divina dell’uomo tende sempre ad uscire da ogni inganno. L’Io potenziale sempre cerca la vita e le relazioni d’amore, inconsciamente sa che non può mai vivere e relazionarsi fuori dalla completezza della vita. Infatti, finché Dio non ha trovato tutta la maturità delle energie personali della Vergine Maria, non è nato fra noi.

Lui però poi l’ha resa Assunta, Madre immortale. Dio trionfa con la nostra presenza. La nostra presenza esiste, è vera, è libera e ama, solo con Dio, come nella Madonna. Dio è presente in ogni creatura, collaboriamo con Lui solo vedendo tutta questa grandiosa verità di vita, sostenendola e amandola pienamente, solo se siamo liberi come la Madonna.

La vita vera è di per sé esistenziale, concreta, sempre bisognosa di scambi rispettosi, completa secondo il modo e il tempo della sua crescita naturale. Tutta questa verità, creata indelebilmente per un continuo scambio rispettoso, è frutto del potentissimo e sapiente amore di Dio. Dio non dipende dalla nostra fede ma, come attesta anche la scienza onesta, è sempre presente in ogni più piccola particella sub-atomica, come in ogni immensità degli spazi stellari e in ogni organismo vivente.

Generale : Oggi più che mai, per risolvere tanti mali personali e familiari, è necessaria una autentica personale e filiale collaborazione con Dio - di Padre Angelo Benolli
Sabato, 19 Febbraio 2022 05:37

Oggi più che mai, per risolvere tanti mali personali e familiari, è necessaria una autentica personale e filiale collaborazione con Dio

 

La Madonna, nel suo “Magnificat”, già predisse che tutte le generazioni l’avrebbero chiamata beata. La Madonna è una persona immacolata, cioè piena di tutte le energie personali, senza alcun disordine o riduzione. È piena di Grazia. Il Signore è pienamente con lei. Proprio perché completa nelle forze umane e di Dio, essa ama, è Madre di ogni persona.

 

Il sommo poeta Dante la presenta così:

“Vergine madre, figlia del tuo Figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d’etterno consiglio.

Tu se’ colei che l’umana natura
nobilitasti sì, che ’l suo Fattore
non disdegnò di farsi sua fattura.

Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
che, qual vuol grazia e a te non ricorre
sua disïanza vuol volar sanz’ali.

La tua benignità non pur soccorre
a chi domanda, ma molte fïate
liberamente al dimandar precorre.

In te misericordia, in te pietate,
in te magnificenza, in te s’aduna
quantunque in creatura è di bontate!”

 

La Madonna è figlia di Dio, umana, libera e ricca di amore: così è la potenza basilare, ossia l’“Io potenziale” di ogni persona. Ogni persona, in potenza, è veramente come la Madonna, piena di vita, piena di Dio piena di forze che si realizzano solo nell’amore. Ogni persona ha queste ricchezze e si ritrova ricca, viva e libera solo in esse. Così Dio ci ha creato, come la Madonna che schiaccia la testa di ogni diavolo.

Generale : Così Padre Stephen Ndegwa oggi
Giovedì, 30 Dicembre 2021 08:18

"Luce per rivelarti alle genti"

(Lc 2,22-35)
 
 Così Padre Stephen Ndegwa oggi

 

 

29/12/2021

Ascolta la spiegazione delle Letture del giorno

Vangelo del giorno (link esterno)

Vai all'archivio dei giorni precedenti

 

 

 

 

 

 

 

 

"Come fare a calare questi contenuti nella nostra esistenza? La nuova cultura di vita che viene fuori dai 62 anni di esperienza sacerdotale, scientifica, antropologica e missionaria, di Padre Angelo Benolli, ci offre gli strumenti per entrare nella nostra storia e fare questo cammino. Vi invitiamo a leggere i suoi libri o a contattarci".
Generale : Lettera di Natale e Buon Anno di P. Angelo Benolli
Sabato, 18 Dicembre 2021 09:23

Lettera di Natale e Buon Anno di P. Angelo Benolli

per tutti i partecipanti a Italia Solidale – Mondo Solidale

 

Carissimi tutti,

Ho la gioia piena per tutte le grazie che il Signore ci ha dato. Vi ringrazio profondamente per la vostra dignità e per la vostra Carità nel salvare insieme a noi centinaia di migliaia di bambini, giovani, persone, famiglie, comunità di tutto il mondo. Oggi siamo 2.500.000 di persone in 144 missioni dell’Africa, dell’India, del Sud America e in tutte le regioni italiane. Insieme stiamo sperimentando una carità completa che soddisfa la fame dello spirito e del corpo e che salva anche la nostra vita.

Come moltissimi di voi già sanno, ho fondato “Italia Solidale – Mondo Solidale del Volontariato per lo Sviluppo di Vita e Missione” perché, in 62 anni di servizio come sacerdote, missionario, scienziato antropologo, ho toccato con mano l’immane sofferenza che tutti vivono oggi. Per 54 anni, infatti, ho incontrato ogni giorno, per almeno 8 ore, persone di ogni cultura e religione. In questa immensa ed unica esperienza, ho visto quanto le persone sono colpite nella fede, nell’anima, nel sesso, nei nervi, nel corpo e nella mente. Questa sofferenza non è frutto di una “colpa cosciente”, ma di una cultura secolare che mette al primo posto il “profitto” e fa fuori Dio e la persona. Nessuno ha mai visto né risolto questi micidiali errori di vita che si sono ingigantiti di generazione in generazione ed hanno fatto sì che le persone si allontanassero sempre più da Dio, da sé stesse, dalle vere relazioni. Questo ha prodotto la scienza senza Dio e senz’anima e la falsa fede degli “scribi e farisei”, che si sono messi al posto di Dio e della persona. Oggi la confusione è più forte che mai. Pensiamo all’ultimo rapporto dell’ONU che mostra come i disagi mentali colpiscono sempre più persone, specialmente adolescenti e bambini. Pensiamo alla nostra economia malata per cui l’1% della popolazione mondiale possiede il 90% delle risorse del pianeta, mentre nel Sud del mondo, ogni giorno, muoiono di fame 22.000 bambini. Pensiamo all’impotenza dei “grandi della terra” che non riescono a risolvere i drammi dell’umanità. Oggi il primo pane di cui le persone hanno bisogno è una cultura di vita nuova e vera, per uscire dagl’inganni secolari, tornare a Dio, a sé e all’esperienza di autentico amore.

Generale : L’amore è un incanto - di Padre Angelo Benolli
Mercoledì, 15 Dicembre 2021 10:04

L’amore è un incanto

Ogni persona incontra se stessa, Dio e gli altri solo nella misura in cui vive l'Amore 

L’amore è un incanto. Mi trovo su queste alte cime, immerso nel bianco delle nevi eterne. Tutto è immenso. Scorrono ovunque cascate di limpide acque. Brilla terso d'azzurro il cielo. Splende il sole. Il cielo è più vicino. Svettano imponenti nell'azzurro le altissime, immense montagne. Di qui si vedono infiniti orizzonti. Tutto è pace, forza, incanto, natura incontaminata e sacralità. Così è l'amore.
 
Sono salito su questa alta montagna, camminando cinque ore fra dirupi, fiori, fatica e bellezza, per essere più vicino all'Amore. L'Amore è una conquista, è una libertà: è la più profonda comunione di natura, la più profonda comunione con Dio, la più profonda comunione con gli uomini. “Dio è amore e chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui”. Su queste alte vette, in questa immensità di natura, come già mi diceva mio nonno nell'infanzia, c'è da stare zitti ed ascoltare. Qui si sente la grandiosità ed il respiro creatore dell'Amore di Dio.  
 
Ringrazio il Signore della Sua presenza, per il Suo Amore e perché ha posto questa Sua tensione d'Amore in ogni persona. La Sacra Scrittura dice che siamo figli di Dio, creati a Sua immagine e somiglianza. Dio è Amore: ogni persona incontra sé stessa, Dio e gli altri solo nella misura in cui vive l'Amore. Il bisogno d'amore è insito in ogni persona e ci accompagna sempre, dalla nascita alla vecchiaia. Le energie dello spirito, della mente, del corpo, del sesso crescono, si sviluppano, gioiscono, maturano, creano solo nell'amore. In proporzione della mancanza d'amore, tutto soffre, si ammala, si mortifica; diventa putrido, violento, lontano dalla sua essenza, da Dio, dall'altro. Alle soglie del terzo millennio, siamo ancora lontani dallo sperimentare in pieno questo così naturale bisogno di vita. Questa è la nostra tragedia. 
 
La Scrittura dice: “Chi non ama sta nella morte. L'Amore risolve la moltitudine dei mali”. Il grande male degli uomini, oggi come ieri, è che, pur vivendo solo nell'esperienza d'amore, non s'impegnano quasi mai nella misura necessaria a sperimentarlo. Si è sempre preoccupati ed occupati da altre cose, da altri pensieri. L'amore, invece, presuppone un grande Spirito, una grande pulizia, una grande forza, una costante testimonianza dell'essenza e della sostanza della vita. L'Amore è impossibile senza tutte le ricchezze della natura, senza il rispetto del suo ordine, senza la Grazia di Dio e senza tutta la capacità di relazione, comprensione, compassione ed aiuto verso i fratelli che soffrono nello spirito, nella mente e nel corpo perché non sono amati.